Giovedì 20 Maggio 2010

Intercettazioni/ Giro di vite sulla stampa, ma Senato rinvia

Roma, 20 mag. (Apcom) - Ancora un rinvio in Senato per le nuove norme sulle intercettazioni. Sconvocata ieri la seduta notturna della commissione Giustizia, se ne riparla la prossima settimana: già da lunedì sera riprenderà il cammino a tappe forzate, con l'opposizione protagonista del duro braccio di ferro sulle regole che riscrivono la disciplina degli ascolti. Nessun cambio di rotta dalla maggioranza, però, che va avanti con l'obiettivo di arrivare al più presto in aula per il primo via libera al ddl Alfano. Il provvedimento è comunque al rush finale. Nella maratona a cui il presidente Berselli ha costretto i senatori la maggioranza ha approvato alcune norme chiave. A cominciare dal cosiddetto emendamento 'D'Addario' che proibisce le registrazioni e le riprese effettuate senza il consenso dell'interessato (pene fino a quattro anni di carcere per i trasgressori), ma con l'eccezione garantita da un emendamento dell'opposizione che garantisce ai professionisti dell'informazione la possibilità di esercitare il diritto di cronaca. E nel pomeriggio di ieri il centrodestra ha bocciato gli emendamenti delle opposizioni soppressivi delle nuove norme che inaspriscono le pene per giornalisti ed editori. Respinti i tentativi di modifica, resta però da dare il via libera al giro di vite tanto contestato. Ma il sindacato dei giornalisti è già pronto allo sciopero se le norme non saranno cambiate e si moltiplicano le 'chiamate alla piazza' contro quello che viene considerato un "attentato alla libertà di stampa", una "ghigliottina" alla democrazia. Le norme della maggioranza prevedono il carcere fino a due mesi o l'ammenda da due a diecimila euro per il cronista che pubblica integralmente o riassume atti d'indagine prima dell'udienza preliminare, e carcere fino a due mesi in aggiunta all'ammenda da quattro a ventimila euro per chi pubblica intercettazioni prima dell'udienza preliminare. Multe anche per gli editori: da 64.700 a 464.770 euro.

Red/Arc

© riproduzione riservata