Sabato 08 Maggio 2010

Gb/ Tories senza maggioranza, è insolita caccia alla coalizione

Londra, 8 mag. (Apcom) - "Who's in bed with who?". Il sarcastico titolo di apertura della Bbc (Chi si accoppia con chi? Con tanto di fotomontaggio di David Cameron e Nick Clegg in pigiama a letto) fotografa l'incertezza che vive il Regno Unito all'indomani delle elezioni che hanno sancito la vittoria (dimezzata) dei conservatori e il crollo dei laburisti. Perché il tory David Cameron e il laburista Gordon Brown si contendono il 'kingmaker' (persona con grande influenza) Nick Clegg, il liberaldemocratico che entrambi vorrebbero conquistare per avere le chiavi del civico 10 a Downing Street. I risultati finali degli eletti in 649 delle 650 circoscrizioni (il voto a Thirsk and Malton, nello Yorkshire, è stato rinviato al 27 maggio dopo la morte, in aprile, di John Boakes, candidato dell'indipendentista Ukip) hanno soltanto certificato quanto temuto alla vigilia: nessuna maggioranza assoluta e 'Parlamento appeso' (hung Parliament). Alla Camera dei Comuni, i Tories hanno ottenuto 306 seggi (+97), il Labour 258 (-91), i liberaldemocratici 57 (-5), i partiti minori 28. Per la maggioranza assoluta, sarebbero necessari 326 seggi. Così è già cominciato il corteggiamento dei Tories ai Lib Dems: David Cameron ha chiesto a Nick Clegg di aiutarlo a formare il nuovo governo, offrendo un accordo "ampio, aperto e globale", perché il Paese in questo momento ha bisogno di un esecutivo "forte e stabile". Cameron ha comunque posto dei paletti "all'amante", ribadendo che il Regno Unito non dovrà "cedere più poteri all'Unione europea" e dovrà mantenere il "controllo sull'immigrazione" e "la difesa del Paese". Per quanto riguarda invece un'eventuale - e storica - riforma del sistema elettorale, fortemente voluta dal partito di Clegg, Cameron ha detto che "se ne dovrà discutere". A fronte dei negoziati fra Tories e Lib Dems che si annunciano complessi, il Primo ministro laburista Gordon Brown ha lasciato intendere che non si ritirerà dalla corsa. "Se le consultazioni fra Cameron e Clegg dovessero fallire, sarei disposto a discutere con Clegg dei temi sui quali potrebbe essere possibile un'intesa fra i nostri partiti" ha sottolineato, senza riconoscere la sconfitta elettorale.

Aqu-pca

© riproduzione riservata