Venerdì 07 Maggio 2010

Moby Prince/ Inchiesta umana conferma: errore umano e nebbia

Firenze, 7 mag. (Apcom) - Oltre all'errore umano, il ruolo della nebbia nella collisione tra Moby Prince e Agip Abruzzo trova conferma nelle motivazioni che hanno portato il procuratore di Livorno, De Leo alla richiesta di archivazione dell'inchiesta-bis sul tragico incidente del 1991. "L'incidente -ha detto De Leo- e' stato per un errore umano dovuto a un banco di nebbia che ha avvolto la Moby Prince prima dell'urto sulla petroliera". Nella collisione persero la vita 140 persone, il 10 aprile 1991. I magistrati hanno anche confermato che il traghetto della Navarma non era in buone condizioni e "navigava senza le necessarie misure di sicurezza". Resta però la prescrizione del reato. L'indagine era stata riaperta nel 2006 dalla Procura di Livorno su richiesta di alcune parti offese. La discesa repentina di un banco di nebbia fu subito chiamato in causa dalla Capitaneria di Porto e poi dalla commissione amministrativa istituita dal Ministero della Marina Mercantile.

Xfi

© riproduzione riservata