Venerdì 02 Aprile 2010

Apple/ Conto alla rovescia per l'iPad, sale la febbre dei fan

New York, 2 apr. (Apcom) - Mancano poche ore all'atteso arrivo dell'ultima creatura di casa Apple, l'iPad. Il tablet che potrebbe rivoluzionare il mondo dei computer sarà in vendita da domani mattina a partire dalle nove, le tre del pomeriggio in Italia, in 221 Apple Store sparsi in tutta America e nei punti vendita Best Buy. Questo gadget, uno dei più chiacchierati degli ultimi anni, era stato presentato a gennaio dall'amministratore delegato della Apple, Steve Jobs, e da allora si è scatenata una gara tra gli esperti per trovare una definizione: un tablet? un kindle con più funzioni? un iPhone che è più di un iPhone? Solo questa settimana, in pochissimi, dal Wall Street Journal al New York Times, hanno avuto l'opportunità di provarlo e recensirlo con cognizione di causa. Ovviamente la grande riservatezza di Apple fa parte di una strategia di mercato che ha già funzionato con l'iPhone, lo smart phone che ha rivoluzionato il mercato della telefonia cellulare, e prima ancora con l'iPod, il riproduttore digitale più venduto al mondo. Ancora prima dell'arrivo dell'iPad sugli scaffali dei negozi, la Borsa ha reagito positivamente: il titolo, quotato sul Nasqdaq, negli ultimi giorni sembrava inarrestabile fino ad arrivare alla chiusura di ieri a 235,97 dollari (oggi Wall Street è chiusa per Venerdì Santo). Schermo al tatto da 9,7 pollici, 220 grammi di peso, l'iPad viene venduto in due diverse versioni, WIFI e 3G (disponibile negli Usa a fine aprile) con un prezzo base di 499 dollari. Apple ha descritto l'iPad come il modo migliore per usare Internet mai inventato fino ad oggi. Non mancano tuttavia coloro che puntano il dito sulle 'mancanze' del nuovo prodotto: l'iPad utilizza un nuovo processore velocissimo sviluppato da Apple ma non offre la possibilità del multitasking (non si può ad esempio utilizzare contemporaneamente l'instant messaging e ascoltare la radio o leggere una email), non è dotato di webcam e nemmeno di una porta Usb e richiede una procedura particolare per trasferire documenti. Potrebbero essere vendute fino a 4 milioni di unità quest'anno, prevedono gli esperti. Altri pensano che, come successe con l'iPhone, le vendite potrebbero partire lente ma potrebbero arrivare a 5 milioni di unità nei primi dodici mesi. Intanto, le fabbriche cinesi che producono per la Apple hanno fatto sapere che la produzione è stata rivista dai 5 milioni di pezzi a 8-10 milioni nel 2010.

Emc

© riproduzione riservata