Lunedì 15 Febbraio 2010

Sicilia/ A colpi di ascia tenta uccidere donna: 'mi ha stregato'

Roma, 14 feb. (Apcom) - Lo aveva 'stregato' e, da quando lui aveva intrecciato una relazione con la nipote, era iniziata una serie di episodi sfortunati dovuti ad una 'fattura'. Per questo, ha deciso di uccidere la nonna della sua fidanzata, colpevole di portargli sfortuna E' successo a Palermo: protagonista un 18enne, Giampiero Siragusa, arrestato dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio per avere tentato di uccidere a colpi di ascia la nonna della fidanzata, proprietaria di un panificio di via Montepellegrino. Ieri mattina l'episodio 'di ordinaria follia': il giovane ha fatto irruzione nel panificio, armato di un'ascia. Si è scagliato sulla donna che, in ben due circostanze, è riuscita miracolosamente a schivare il fendente che si è andato a infrangere contro le vetrate dei banconi del locale, andate completamente in frantumi. Il giovane è stato bloccato in prima battuta dal marito della donna e quindi dai poliziotti intervenuti: nonostante le forze dell'ordine, ha continuato a minacciare di morte la vittima, alludendo ad una rivoltella custodita a casa e pronta per essere utilizzata. A casa gli agenti troveranno poi, durante la perquisizione, una spada lunga un metro. Il giovane, ai poliziotti che lo hanno interrogato per comprendere i motivi del gesto, ha risposto di avere intrecciato una storia con la nipote delle vittime e di essere da allora bersagliato dalla sfortuna e dalla malasorte. La ciclicità con cui tali episodi negativi avrebbero flagellato il 18enne dall'inizio della relazione lo avrebbe convinto a ricondurli ad una "fattura" realizzata dalla nonna della sua fidanzata. L'unica possibilità rimasta per rompere il sortilegio, ha spiegato, sarebbe quindi stata quella di scacciarlo con la violenza e spezzarlo a colpi di ascia. Il giovane ora è nel carcere Pagliarelli.

Apa

© riproduzione riservata