Lunedì 01 Febbraio 2010

Abu Omar/ Giudice: segreto di stato paradosso logico e giuridico

Milano, 1 feb. (Apcom) - "Ammettere che vi è segreto di Stato sui rapporti tra servizi segreti italiani e stranieri collegati ad un fatto reato per cui si procede, nel momento in cui si afferma che per quel fatto non vi è segreto e quando risultano imputate persone appartenenti a quei servizi costituisce a parere di questo giudice un paradosso logico e giuridico". Sono queste la prole molto critiche nei confronti della sentenza della consulta sul segreto di Stato contenute nella motivazione del verdetto con cui erano stati dichiarati non giudicabili per il sequestro dell'imam Abu Omar gli ex vertici del Sismi Nicolò Pollari e Marco Mancini. "Tale paradosso rischia di essere ancora piu pericoloso nel momento in cui si consente agli imputati di quella vicenda di poter apporre anche loro il segreto di statp cosa che fino ad allora era stata consentita solo ai testimoni" aggiunge il giudice Oscar Magi.

Frk

© riproduzione riservata