Mercoledì 20 Gennaio 2010

Cinema/ L'attore irlandese Byrne vittima di abusi da parte preti

Roma, 20 gen. (Apcom) - Dopo il passato di alcol e depressione, che non ha mai nascosto, l'attore irlandese Gabriel Byrne, l'ex poliziotto corrotto nel film di Bryan Singer "I soliti sospetti" (The Usual Suspects, 1995), ha rivelato di essere stato vittima di abusi sessuali da parte dei Fratelli Cristiani (in inglese Congregation of Christian Brothers). E non solo. Nel corso di una nuova trasmissione irlandese "The meaning of life" su Rté, Byrne ha raccontato di avere lottato contro l'alcolismo e la depressione in passato e di essere stato "profondamente ferito" per gli abusi subiti da piccolo. "Purtroppo ho subito degli abusi sessuali", ha dichiarato. "Era un fatto noto tra di noi che c'era quest'uomo particolare e non volevi rimanere da solo nello spogliatoio con lui". L'attore ha confidato inoltre che quando aveva 11 anni era andato in Inghilterra per un seminario, ma che fu vittima di abusi da parte di un sacerdote: "Non continuò a lungo, ma avvenne in un momento in cui ero molto, molto vulnerabile", ha detto. A Byrne servirono molti anni per superare questi "incidenti".

Cuc

© riproduzione riservata