Giovedì 14 Gennaio 2010

Papa/ Il Rabbino Laras dà forfait: Non sarà alla Sinagoga

Roma, 14 gen. (Apcom) - A poche ore dalla visita del Papa alla Sinagoga di Roma il rabbino Giuseppe Laras, presidente dell'Assemblea rabbinica italiana, dà forfait. Non sarà al tempio maggiore di Lungotevere De' Cenci, domenica, e, in una intervista al giornale tedesco Juedische Allgemeine Zeitung in uscita domani, critica il Vaticano su Pio XII e il suo 'collega' Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma. "Dal mio punto di vista l'incontro nel breve periodo non avrà conseguenze positive sul dialogo ebraico-cattolico", afferma Laras. "Solo la Chiesa ne trarrà dei benefici, soprattutto con uno sguardo ai propri ambienti conservatori. Potrà usare l'evento per esporre la propria 'sincera amicizia' nei nostri confronti". Il capo del rabbinato italiano critica la scelta unilaterale della Comunità ebraica di Roma di confermare l'invito a Ratzinger dopo la decisione di procedere con la beatificazione di Pio XII. "L'idea di annullare" l'incontro "è stata salutata in Italia da molti, soprattutto dalle famiglie dei sopravvissuti alla Shoah e da alcuni rabbini", afferma Laras. Quanto alla successiva spiegazione del Vaticano "non ha chiarito nulla" secondo il rabbino. "Per questo ho deciso di stare lontano dalla visita del Papa", spiega Laras secondo il quale "con grande rammarico devo osservare che il 'fraterno rapporto' nell'attuale Pontificato è divenuto sempre più debole". "Il tempo dirà chi ha ragione" ha risposto il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, parlando con i giornalisti. "Rispetto le opinioni differenti, rispetto il rabbino Laras per la sua storia e per la sua dottrina, ma sarà il tempo a decidere chi delle opposte visione ha avuto ragione".

Ska/Sar

© riproduzione riservata