Mercoledì 13 Gennaio 2010

Haiti/ Misna: Port-au-Prince isolata, impossibili contatti

Roma, 13 gen. (Apcom) - Port-au-Prince è isolata, impossibile avere contatti con la capitale haitiana colpita dal violento sisma, i telefoni non funzionano, nè trasmettono tv o radio locali, qualche contato di fortuna ha viaggiato via internet, lo riferisce la Misna, che sta cercando di avere notizie dei propri volontari sull'isola. E mentre si stimano almeno tre milioni le persone che potrebbero essere state colpite, ancora non si sa nemmeno se l'aeroporto sia funzionante. "Abbiamo ricevuto un messaggio quasi subito dopo il sisma, un padre canadese è riuscito a mandarci una breve nota e-mail sulla situazione prima che subentrassero problemi ai collegamenti e alla linea elettrica. Da quello che abbiamo appreso le nostre strutture, tra cui la casa provinciale, lo studentato e due parrocchie, non avrebbero subito danni alle persone": spiegano alla Misna, dalla casa generalizia di Roma, i missionari Monfortani, che non sono riusciti ad avere notizie precise sull`entità del sisma a Port-au-Prince. Subito dopo la prima scossa, a cui ne sarebbero seguite altre 25 secondo alcuni testimoni, grazie a un generatore elettrico ancora in funzione un confratello canadese infatti è riuscito a inviare il messaggio, correndo il rischio di entrare in casa; ma da allora non si sono avute ulteriori notizie. "Non siamo riusciti ancora a contattare Port-au-Prince, stanno cercando di riparare le linee telefoniche ma ci vorranno probabilmente diverse ore": spiega alla Misna anche padre Regino Martinez, sacerdote gesuita, da Dajabón, al confine con la Repubblica Dominicana, mentre continuano a squillare a vuoto finora anche i numeri telefonici dell`arcivescovado e della nunziatura della capitale.

Red/Gtu

© riproduzione riservata