Lunedì 11 Gennaio 2010

Maltempo/ Domani peggiora, neve al nord sopra i 500 metri

Roma, 11 gen. (Apcom) - Un nuovo peggioramento delle condizioni meteo è atteso per domani sera a partire dalle regioni del nord Italia a causa del passaggio di una perturbazione attualmente presente sull`Europa centrale. Il cielo sarà generalmente nuvoloso con isolate precipitazioni in Liguria e sui settori alpini centro-orientali, dove si potranno verificare nevicate sopra i 500-800 metri. Probabili temporali su Sardegna, Campania, Basilicata e Calabria settentrionale. Rovesci su Lazio, Abruzzo, Molise, Toscana occidentale e sul Friuli Venezia Giulia. Nevicate deboli su nord-est fino a quote di 500-700 metri, sull`Appennino centrale, al di sopra dei 600-800 metri; su Sardegna e Appennino meridionale al di sopra degli 800-mille metri. Le temperature non subiranno particolari variazioni. Per mercoledì è atteso il veloce transito di un sistema nuvoloso, per una nuova perturbazione di origine nord-atlantica, che interesserà soprattutto la Sardegna e il versante tirrenico. Previsti mari in burrasca ma anche nevicate sui rilievi della dorsale appenninica. Ancora neve al nord, al di sopra dei 400-600 metri; nevicate moderate sull'Appennino centrale con quota neve in calo fino ai 700-900 metri, in particolare sui versanti adriatici. Fiocchi di neve, secondo il centro funzionale meteo della Protezione civile, sono previsti anche sull`Appennino meridionale al di sopra dei 900-1100 metri. Giovedì cielo molto nuvoloso e precipitazioni sparse sulle regioni centro-meridionali, in particolare sulla Sardegna e sulla Sicilia a partire dal pomeriggio. Continua, intanto, il monitoraggio e il controllo dei corsi d`acqua. Dalla mattinata di ieri, la situazione generale è "in progressivo miglioramento" sia in Umbria che nel Lazio. Sono proseguite anche le ricognizioni lungo il Tevere a Roma per la verifica degli argini e degli ormeggi di barconi e piattaforme galleggianti. La fase di piena "si sta esaurendo", ma viene monitorata costantemente la situazione lungo l'asse urbano.

Gtz

© riproduzione riservata