Lunedì 11 Gennaio 2010

Api/ Rutelli: Con il centrosinistra, ma a tre condizioni

Roma, 11 gen. (Apcom) - L'Alleanza per l'Italia di Francesco Rutelli guarda innanzitutto al centrosinistra, in vista delle prossime regionali, ma pone "tre condizioni" per siglare un'alleanza. Francesco Rutelli, intervistato dal Corriere della Sera spiega quali sono i punti irrinunciabili su cui fondare un'intesa tra la sua nuova formazione e il centrosinistra: "Togliere la politica dalla sanità e ridurre drasticamente il numero delle provincie"; una "seria politica per la famiglia"; terzo, "riduzione del carico fiscale per le Pmi". Rutelli, in ogni caso, prevede un'affluenza bassa e afferma che "questo bipolarismo è consumato e in crisi". Il leader dell'Api non si sbilancia quando gli viene chiesto se il suo partito appoggerà Emma Bonino o Renata Polverini nel Lazio e Nichi Vendola in Puglia: "La Bonino oggi è candidata solo dai radicali, ogni risposta sarebbe prematura. Quanto alla Polverini, peccato che abbia impostato una candidatura in modo così convenzionale, legata allo schieramento di destra, incluso Storace che ha dato una prova disastrosa alla Regione Lazio". Su Vendola il giudizio è positivo, ma questo non significa una presa di posizione: "Vendola ha tutte le ragioni per difendere la sua esperienza di governo. E' lì grazie alle primarie: come fa il Pd a cacciarlo conun decreto politico, sostituendolo col candidato che lui aveva sconfitto?". Ma è presto per dire per chi voterà l'Api: "Come si fa a dirlo? In quel caos neppure si sa chi sarà candidato". Rutelli, infine, nega che si siano raffreddati i rapporti con Pier Ferdinando Casini ("Continueremo insieme a cercare di dar vita, nei prossimi anni, a un nuovo polo, potenzialmente molto largo: liberale, democratico, riformatore, popolare") mentre su Gianfranco Fini si limita a dire: "Cresce la crisi tra lui e Berlusconi. Non tocca a me dire cosa farà Fini, ma creare le condizioni preché la nuova formazione possa accoghliere chi è a disagio nei due poli e ha idee comuni".

Adm

© riproduzione riservata