Lunedì 11 Gennaio 2010

Governo/Oggi Berlusconi a Roma:ora agenda riforme

Roma, 11 gen. (Apcom) - A pranzo Lodo Alfano e immunità, conditi da Regionali e stato di salute del Pdl, poi con ogni probabilità al Quirinale per un faccia a faccia con Giorgio Napolitano. Silvio Berlusconi torna oggi a Roma, secondo i suoi più stretti collaboratori pronto a mettere nero su bianco "l'agenda delle riforme". Vedrà, come detto, i coordinatori del Pdl e i capigruppo del Popolo della libertà (in dubbio la presenza dei vice Italo Bocchino e Gaetano Quagliariello), il ministro della Giustizia Angelino Alfano e Niccolò Ghedini, legale del premier. A seguire, forse, il faccia a faccia con Giorgio Napolitano per un incontro che manca da tempo. A Palazzo Grazioli il Cavaliere detterà le linee guida per il 2010. Riforma fiscale, interventi sulla giustizia e riforme costituzionali. Il Pdl non intende rinunciare a quelle che l'opposizione definisce leggi ad personam, come il processo breve, perché come dice Berlusconi "stavolta andiamo avanti su tutto". Ma sugli interventi costituzionali come l'immunità il presidente del Consiglio vuole sfidare l'opposizione, testarne la volontà di dialogo: "Sperando che il Pd regga a questo tentativo...". In ogni caso, sottolinea con i suoi Berlusconi, "ora si governa". Si parlerà anche di Regionali, com'è ovvio. Il premier ascolterà i coordinatori, c'è ancora da sciogliere il duplice nodo Puglia-Campania, ma non sarà domani il giorno decisivo per arrivare alle candidature. E poi c'è Gianfranco Fini. I 'finiani' reclamano da tempo un faccia a faccia capace di ridefinire il patto fondativo del Pdl. Con chiunque parli, Berlusconi giura che "no, non è il momento di vedersi, non c'è nulla da chiarire, la linea è condivisa". Il quando, con Fini, è dunque ancora da stabilire. E d'altra parte Berlusconi manca da Roma dal 13 dicembre, giorno dell'aggressione subita a Milano per mano di Massimo Tartaglia. Da allora, quasi un mese di convalescenza trascorsi prima al San Raffaele, poi ad Arcore, ricevendo le visite di molti dirigenti del partito ed esponenti di governo. Nel mezzo una visita in Francia, dalla figlia Marina, e pochi giorni fa le foto che lo mostravano senza le bende e senza apparenti segni sul viso dopo l'aggressione. Tom/Bac gen 10

MAZ

© riproduzione riservata