Venerdì 20 Novembre 2009

Giustizia/Napolitano:Rispettare corretti equilibri istituzionali

Roma, 20 nov. (Apcom) - Il "delicato confronto" in atto "su come migliorare e rendere efficiente un servizio pubblico fondamentale quale è quello della giustizia" deve svolgersi "nel rispetto di corretti equilibri istituzionali". Lo scrive il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della VI Conferenza Nazionale dell'Avvocatura, sul tema 'Avvocatura e Riforma della Giustizia nella Costituzione e nell'Ordinamento', promossa dall'Organismo Unitario dell'Avvocatura Italiana, in un messaggio al suo Presidente, Maurizio De Tilla. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in un suo messaggio, ha ribadito che la riforma costituzionale della giustizia è un impegno che fa parte del programma di governo. "La riforma della giustizia - scrive il premier - occupa un posto prioritario nel programma politico sulla base del quale gli elettori hanno ritenuto di affidare alla maggioranza che mi onoro di guidare il compito di governare". "La fiducia di quegli elettori - prosegue Berlusconi - ci impone di portare a termine gli impegni presi per una giustizia veramente imparziale, più giusta ed efficiente. Abbiamo già varato importanti provvedimenti di riforma del codice di procedura civile e per la digitalizzazione della giustizia, mentre sono in discussione in Parlamento la riforma del processo penale e la riforma dell'avvocatura. Adesso seguirà, a coronamento dei nostri sforzi, l'indispensabile riforma costituzionale della giustizia che porrà in condizioni di effettiva parità l'accusa e la difesa nel processo".

Red/Bar

© riproduzione riservata