Giovedì 19 Novembre 2009

Doping/ Olimpiadi, Ciclismo: Coni chiede risarcimento a Rebellin

Roma, 19 nov. (Apcom) - Il Coni ha avviato un'azione risarcitoria nei confronti di Davide Rebellin per il "danno" che la positività al doping del ciclista "ha prodotto all'Italia, al Coni e all'intero movimento sportivo nazionale". Lo fa sapere una nota del comitato olimpico nazionale, che stamani, ottemperando ai dettami del Cio, ha chiesto a Rebellin di restituire la medaglia d'argento conquistata alle Olimpiadi di Pechino 2008, il diploma relativo alla gara macchiata dal ciclista azzurro ed i 75mila euro del premio in denaro deliberato dalla Giunta Nazionale del Coni. Rebellin è stato privato del suo secondo posto per positività al Cera, l'Epo di nuova generazione. "Il Procuratore Nazionale Antidoping, Ettore Torri, che aveva aperto un fascicolo nei confronti dell`atleta sin dalla prima comunicazione della positività da parte del Cio, si sta attivando per quanto di sua competenza", conclude la nota del Coni.

Grd-Caw

© riproduzione riservata