Truffa blindati italiani Kabul, indagati

Truffa blindati italiani Kabul, indagati

(ANSA) - ROMA, 28 NOV - Nasce dal suicidio di un ufficiale italiano a Kabul - il capitano Marco Callegaro, 35 anni, originario di Rovigo ma residente a Bologna - l'inchiesta che ha portato il procuratore militare di Roma Marco De Paolis ad iscrivere nel registro degli indagati sei ufficiali per truffa militare aggravata: nei loro confronti è stato notificato un avviso di conclusione indagini. La vicenda risale alla metà del 2010 e riguarda il nolo di alcuni mezzi la cui blindatura è risultata più leggera (e meno cara) di quella pattuita: circostanza che - oltre a favorire illecitamente la ditta afgana noleggiatrice, riconducibile a un uomo ritenuto vicino ad ambienti terroristici- avrebbe anche potuto mettere a serio rischio, sostengono gli inquirenti,il personale cui erano destinati. L'intera pratica incriminata - corredata da un certificato di blindatura contraffatto - venne curata dagli uffici amministrativi di Kabul dove Callegaro lavorava. Durante le indagini sono stati sequestrati 28 blindati e sentiti centinaia di militari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA