Russia: Von der Leyen, Ue negozi da posizione di forza

Russia: Von der Leyen, Ue negozi da posizione di forza

BRUXELLES - "La Russia è un nostro vicino e lo sarà ancora, dobbiamo essere pronti al dialogo ma tenere alti i nostri principi sullo stato di diritto. L'Ue dovrebbe negoziare con la Russia da una posizione di forza". Lo ha detto la candidata designata dai Ventotto al posto di presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen nel corso dell'incontro con il gruppo di Renew Europe, in diretta streaming. Il "Cremlino non perdona la debolezza", ha aggiunto.

L'Ue deve "tenere i confini aperti perché è nello spirito dell'Unione", ha poi risposto von der Leyen rispondendo a uno dei deputati del gruppo Renew Europe che le chiedeva di commentare la proposta di una barriera fisica tra Italia e Slovenia.

"Margrethe Vestager avrà una posizione eccezionale all'interno della Commissione perché ha fatto un lavoro eccezionale", ha dichiarato von der Leyen precisando che Frans Timmermans sarà il "primo vicepresidente", ma la danese "avrà una posizione allo stesso livello alto di Timmermans". Von der Leyen ha poi aggiunto parlando di Vestager: "abbiamo bisogno di lei nel campo in cui ha operato splendidamente". "Voglio una commissione che sia al 50% suddivisa tra uomini e donne e chiedere al Consiglio di presentare questa uguaglianza di genere", ha poi chiarito.

"La gente ha paura, speranze sogni e aspirazioni e quello che l'Europa può provvedere a dare loro è lavoro, prospettive, stabilità e sicurezza e sono convinta che l'Europa possa dare questo. In ogni paese il lavoro deve dare di che vivere e per questo combatterò per avere il salario minimo in ogni paese", ha detto ancora la candidata designata dai Ventotto al posto di presidente della Commissione europea.

"Molto utile per il Parlamento ascoltare il suo punto di vista, le sue riflessioni e sul lavoro per i prossimi 5 anni, la cui cooperazione con il parlamento sarà ineludibile". Così il presidente del Parlamento europeo David Sassoli dopo l'incontro avuto con la conferenza dei presidenti. "Questa riunione è un elemento in più di dialogo indispensabile fra la candidata e il parlamento che dovrà prendere la decisione finale - ha aggiunto - grazie per la sua disponibilità ad incontrare i vari gruppi politici". Sassoli ha poi precisato: "non è il mio ruolo per trarre delle conclusioni, ma credo di poter dire che come sempre c'è lavoro da fare".

"Un buon incontro con Ursula von der Leyen, chiediamo un chiaro mandato sul ruolo di Vestager, attendiamo e decideremo se appoggiarla o meno, il nostro voto non va dato per scontato", ha commentato il leader di Renew Europe, Dacian Ciolos, al termine del faccia a faccia. "Vogliamo un chiaro impegno da parte sua - ha aggiunto -, lei ha capito le nostre posizioni". Ciolos ha poi aggiunto che il suo gruppo vuole che si tenga il voto la prossima settimana al Parlamento europeo e "non vediamo cosa ci sarebbe da guadagnare se decidessimo di rinviarlo a settembre", in quanto Renew Europe è per una "decisione rapida sulla presidenza della Commissione europea" e dunque "l'obiettivo è avere una votazione mercoledì prossimo".


© RIPRODUZIONE RISERVATA