Robbie Williams, in pace con me stesso

(ANSA) - MILANO, 10 NOV - All'inizio della sua carriera avrebbe voluto fare della musica stile Radiohead ma oggi, dopo 70 milioni di dischi, 18 Brit awards e il recentissimo riconoscimento come Brits Music Icon, Robbie Williams ha fatto pace con se stesso: "Quello che faccio io non lo fa nessuno - rivendica l'ex Take That - con i miei show voglio intrattenere, tanto che sul mio passaporto non c'è scritto artista o cantante, ma entertainer". Non è un caso che il suo nuovo album si chiami proprio 'Heavy entertainment show' e che con il suo pop orgogliosamente commerciale, fatto di belle melodie e ritornelli che si stampano in testa, sia indirizzato a tutti: "Qualsiasi cosa si pensi di Trump e Putin è un bene che le due parti del pianeta si parlino, spero che la presidenza di Trump passi alla storia per questo. Se poi - scherza - vogliono qualcuno che li intrattenga un po' sarò felice di fare 'Party like a russian' per entrambi". Nell'album collaborazioni eccellenti come quelle con John Grant, Rufus Wainwright e Guy Chambers.


© RIPRODUZIONE RISERVATA