(ANSA) - LUSSEMBURGO, 30 GIU - Due ex-dipendenti di unasocietà di revisione contabile sono stati riconosciuti colpevolidi aver consegnato migliaia di documenti riservati a ungiornalista che indagava sulla normativa fiscale fin troppoagevolata creata in Lussemburgo, il cosiddetto scandalo"Luxleaks". Un tribunale del Granducato ha condannato ieri al carcere,però col beneficio della condizionale, gli ex dipendenti dellaPricewaterhouseCoopers (PwC) Antoine Deltour (12 mesi) e RaphaelHalet (9 mesi). Un coimputato, il giornalista Edouard Perrin cheaveva usato i documenti per una serie di articoli, è statoinvece assolto. Il caso, emerso nel novembre 2014, ha messo politicamente inimbarazzo anche il presidente della Commissione Ue Jean-ClaudeJuncker dato che era stato premier del Lussemburgo (1995-2013)proprio negli anni a cui risalgono le elusive pratiche fiscaliche hanno fatto perdere miliardi di entrate tributarie ai Paesidove operavano le multinazionali coinvolte.