Giovedì 24 Luglio 2014

Fumatore morì di tumore,1 mln a famiglia

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - C'è "nesso causale tra l'attività di assunzione di tabacco" da parte di un impiegato stroncato a 54 anni da un tumore ai polmoni e che ha fumato per una quarantina d'anni "e l'evento morte". Lo ha stabilito il giudice civile di Milano Stefania Illarietti in una sentenza con cui ha condannato la British American Tobacco s.p.a.(già Ente Tabacchi spa) a un risarcimento di poco meno un milione di euro, compresi gli interessi, le spese legali e anche il costo del funerale, ai familiari dell'uomo.

© riproduzione riservata