90 anni fa la morte di Gaudì

(ANSA) - ROMA, 10 GIU - Novant'anni fa moriva Antoni Gaudì, l'architetto spagnolo tra i massimi esponenti del Modernismo catalano, ideatore a Barcellona di capolavori quali Parco Guell, Casa Batllò, Casa Milà, inseriti (con altri quattro) nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco. Il 7 giugno del 1926, Gaudì fu investito da un tram (il primo messo in circolazione nella città), ma per il suo aspetto dimesso venne scambiato per un povero vagabondo e trasportato all'ospedale della Santa Croce, ospizio per mendicanti. Riconosciuto soltanto il giorno successivo, morì il 10 giugno. Nonostante questa fine quasi miserabile, Barcellona onorò l'artista che l'aveva arricchita con edifici di straordinaria, innovativa bellezza disponendone la sepoltura nella cripta della Sagrada Familia, forse la sua opera più significativa e famosa (ancora oggi in continuo divenire), dopo un funerale cui parteciparono migliaia di cittadini, per i quali il grande artista era ormai diventato 'l'architetto di Dio'.


© RIPRODUZIONE RISERVATA