Valcepina mette il turbo e va a vincere
Martina Valcepina

Valcepina mette il turbo e va a vincere

Short track. Dopo l’argento di tre settimane fa la valtellinese si migliora e domina la gara dei 500 metri. L’esultanza: «Sono felicissima ed emozionata per il mio primo oro in Coppa del Mondo: non me lo aspettavo».

«La prima vittoria in Coppa del Mondo non si scorda mai». Così Martina Valcepina sulle sue pagine social, descrivendo la sua fantastica prima vittoria nel circuito di Coppa del Mondo di short track. Una autentica impresa quella messa a segno domenica dalla bella finanziera della Valdisotto, mamma di due splendide gemelline di ormai 4 anni, Camilla e Rebecca. Una vittoria meritata e annunciata già dalla mattinata, quando già dai due turni dei 500 metri che hanno preceduto la finale, Martina sfruttando la sua partenza davvero eccezionale, ha sempre condotto in testa tutte le gare dall’inizio alla fine, vincendo poi la finale davanti all’olandese Lara van Ruijven e alla polacca Maliszewsca vincitrice della Coppa del Mondo generale sulla distanza.

«Sono felicissima ed emozionata per questo primo oro in Coppa del Mondo. Sicuramente non me l’aspettavo perché in questa stagione non ero ancora riuscita ad esprimermi al meglio - commentava nel post gara la finanziera di Sclèva in Valdisotto, 26 anni -. Sono riuscita ad avere il tempo migliore in semifinale e partire quindi dalla corsia interna in finale. Ho gestito tutte le gare in testa e sono veramente molto contenta, della mia pattinata. Il ghiaccio di Dresda mi piace molto mi consente di sfruttare al massimo gli appoggi, sono davvero al settimo cielo – commenta la pluri mefdagliata olimpiaca in staffetta -. In generale abbiamo anche raggiunto bei risultati come squadra. Nelle staffette c’è stata anche un po’ di sfortuna, ma abbiamo sicuramente fatto tutti delle belle prove. Voglio dedicare questo successo alle mie bimbe e alle persone che mi sono state vicino in questi due giorni».  

Felicità più che legittima per Martina Valcepina che in carriera aveva già assaporato la gioia del podio in gare individuali ma mai sul gradino più alto. E i due podi a Dordrecht e a Seoul dell’anno passato erano stati un indizio, così come il doppio oro europeo 2018, nei 500 e 1500 metri. Valcepina che con i punti pesanti acquisiti ieri chiude in terza piazza malgrado una prova in meno rispetto alle avversarie, la generale di Coppa del Mondo sui 500 metri alle spalle delle due rivali dietro di lei ieri, la polacca Maliszewsca e l’olandese van Ruijven.

Con questa vittoria Martina Valcepina porta a 14 le vittorie azzurre femminili della storia italiana tenendo conto dei successi di Arianna Fontana (11), Marta Capurso (1) e di Marinella Canclini (1). Una squadra nazionale italiana guidata dall’americano Barthell e dal bulgaro Pandov che sul ghiaccio di Dresda ha fatto veramente sognare su tutti i fronti.

Sabato la splendida medaglia di bronzo nei 1000 metri da parte di Cinthya Mascitto e poi Yuri Confortola 7° ma gladiatore nella finale dei 1500 metri. Sempre ieri è stata la volta anche dei 1000 metri. Conferme molto positive da Cynthia Mascitto, che non replica il podio di sabato, ma riesce comunque a conquistare un posto nella finale B, conclusa in 3a posizione. Nelle gare individuali maschili dominio della Corea del Sud. Due vittorie per i pattinatori asiatici, con il successo di Lim Hyo Jun nei 500m e di Park Ji Won nella seconda prova dei 1000m.

Gli azzurri si sono fermati ai quarti di finale: nella distanza più breve sono stati eliminati Mattia Antonioli e Andrea Cassinelli, mentre nei 1000 è stato Tommaso Dotti ad arrendersi nei quarti di finale.

Sul ghiaccio anche la staffetta maschile azzurra con il quartetto formato da Andrea Cassinelli, Mattia Antonioli, Tommaso Dotti e Yuri Confortola che ha vinto con merito la finale B davanti a Francia, Kazakistan e Olanda. Nella finale A vittoria del Canada, che si è imposto sul Giappone e l’Ungheria. Successo della Russia nella staffetta femminile davanti a Olanda e Canada. La squadra dell’Est ha poi concesso il bis nella staffetta mista, vincendo su Ungheria e Gran Bretagna. Il prossimo fine settimana la Coppa del Mondo di short track chiuderà il sipario al Pala Tazzoli di Torino. Lo spettacolo è assicurato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA