Squadra che vince non si cambia  Il Valtellina Wine Trail fa il botto
Soddisfazione ed entusiasmo alla presentazione della corsa (Foto by foto Gianatti)

Squadra che vince non si cambia

Il Valtellina Wine Trail fa il botto

AtleticaPer l’edizone di quest’anno sono attesi al via delle tre prove duemila atleti

Gli organizzatori: «Non siamo più noi a cercare gli sponsor ma loro a voler partecipare»

Squadra e formula vincenti non cambiano. Nel suggestivo scenario del Salone dei Balli di Palazzo Sertoli, nel pomeriggio di ieri, i sei ideatori di Valtellina Wine Trail in felpa azzurra, (Marco De Gasperi, Emanuele Manzi, Fabio Cometti, Michele Rigamonti, Francesco Lapsus e Giorgio Bianchi) hanno presentato tutte le novità della quinta edizione a media, sponsor e autorità.

Grande coinvolgimento

Quello che nel breve volgere di quattro anni è diventato uno tra gli eventi più importanti della valle, poiché che coinvolge 11 comuni e 200 volontari, anche quest’anno ha i pettorali messi a disposizione sui tre tracciati previsti. Tra i filari e le cantine più prestigiose del comprensorio sondriese, sabato 4 novembre, sfileranno qualcosa come 2000 runner a rappresentare ben 24 nazioni.

Formula immutata, dunque. Tre le gare previste, maratona da 42 km con start da Tirano, mezza maratona da 21 con partenza da Chiuro e 12k che prenderà il via da Castione Andevenno: tutte a tre alle 10. Tre differenti tracciati, un unico comune denominatore: la Valtellina e le sue eccellenze enogastronomiche. Prelibatezze da vivere e scoprire non solo lungo percorso. Ma anche nel cuore nevralgico dell’evento che ancora una volta sarà Piazza Garibaldi a Sondrio, dove tutti i concorrenti concluderanno la loro fatica.

Un breve e accattivante video, che valorizza la gara ma anche lo splendido paesaggio valtellinese, girato da Riccardo Frizziero, ha aperto la conferenza stampa. Al microfono, dopo il saluto di Edoardo Semeria in rappresentanza del Credito Valtellinese, uno dei main sponsor della rassegna, si sono succeduti, tra gli altri, i sindaci Alcide Molteni (Sondrio), Franco Spada (Tirano), Massimiliano Franchetti (Castione), Fernando Baruffi in rappresentanza del Bim, Mamete Prevostini del Consorzio Tutela Vini di Valtellina. Unanime la soddisfazione espressa per un evento che è diventato un’importante cassa di risonanza per tutta la valle.

È toccato a Marco De Gasperi illustrare i momenti più importanti di quest’edizione, al di là della gara. Il programma 2017, ancora più ricco e strutturato, prevede una prima serata mercoledì 1° novembre a Tirano.

Una full immersion di immagini mozzafiato e forti emozioni con gli scatti del fotografo paesaggista-alpinista Giacomo Meneghello.

Venerdì 3 a Sondrio, in collaborazione con il Cai, spazio alle avventure alpinistiche di Matteo De Zaiacomo.

Riflettori sulla piazza

Sempre venerdì si accenderanno anche i riflettori sull’esposizione in piazza Garibaldi, un’occasione per vedere in anteprima le novità che le aziende di settore hanno in serbo per il 2018. Sabato 4, infine, spazio alle gare e per concludere, una grande festa in Piazza Garibaldi.

Tra le costanti del Valtellina Wine Trail la massima attenzione all’atleta e un pacco gara – sempre appetibile – incredibilmente ricco, che oltre a prodotti tecnici e buoni per servizi, contiene praticamente tutte le eccellenze alimentari della valle. Il Trail allarga di anno in anno la sfera d’interesse. Quest’anno sono stati coinvolti gli alunni delle elementari Pio XII, che hanno realizzato, per tutti coloro che concluderanno la maratona, ben 800 medaglioni in serpentino decorato.Tantissime le sponsorizzazioni: completano il novero dei principali Rigamonti, Consorzio Tutela Vini, Latteria Sociale di Chiuro e Scott, ma hanno contribuito anche molte altre aziende.

«Ora non siamo più noi che andiamo a cercare sponsor – ha concluso con malcelata soddisfazione Michele Rigamonti – sono loro che ci cercano e questa è un premio non da poco per il nostro lavoro e dei 200 volontari che ci supportano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA