Reichelt è il più veloce, ma alle sue spalle  ci sono gli azzurri
Christof Innerhofer al cancelletto di partenza delle prove di ieri mattina (Foto by foto Stefano Malaguti)

Reichelt è il più veloce, ma alle sue spalle

ci sono gli azzurri

Innerhofer e Fill subito dietro l’austriaco. Domani mattina ancora prove, il 29 la gara di Santa Caterina valevole come discesa libera di Coppa del Mondo

Le due sessioni di prove non ufficiali, svoltesi oggi e lunedì scorso sulla “Deborah Compagnoni” da italiani e austriaci (la prima solo sulla parte alta del percorso, la seconda sui 3.200 metri della pista) si sono rivelate molto utili, ai fini di una maggiore conoscenza del nuovo tracciato, più impegnativo rispetto a quello dello scorso anno sia dal punto di vista fisico sia da quello tecnico.

Il più veloce è stato l’austriaco Hannes Reichelt, che con il tempo di 1’48”20 ha preceduto di appena 7/100 Innerhofer, mentre Fill ha occupato la terza piazza, staccato di 1”26. Christof, che nelle ultime gare è apparso sottotono, è sceso con molta convinzione e ha tirato per tutta la gara, transitando primo a tutti gli intermedi e al quinto rilevamento in vantaggio di ben 75/100, poi ha visibilmente rallentato. Per quanto riguarda il resto della squadra azzurra, 11° Werner Heel e sorprendente il 12° posto di Davide Cazzaniga (atleta cresciuto nel Circuito Ina di parecchi anni orsono), il quale è finito a 2”88 da Reichelt e con questo exploit si è già guadagnato un posto per la gara del 29.

Gli altri due pettorali se li giocheranno Siegmar Klotz, Mattia Casse e Silvano Varettoni nella prova restante. Dominik Paris, che con Innerhofer è uno dei due italiani che ha vinto un’edizione della discesa di Bormio, si è piazzato al 14° posto. Si sono completamente nascosti, o almeno sono scesi con molta prudenza per prendere confidenza con le parti più impegnative del tracciato, i norvegesi Svindal e Jansrud, che sono tra i favoriti d’obbligo della competizione. Il primo ha cumulato un ritardo di 4”68, che l’ha inserito al 31° posto, mentre il secondo è stato un po’ più veloce, inserendosi al 21°, staccato di 3”31. Molto più deciso il loro connazionale Aamodt Kilde, 4° a 1”43, davanti al francese Adrien Theaux (a 1”93).

Nel frattempo, il presidente della Regione Roberto Maroni e l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi hanno confermato la propria presenza domani a bordo pista per assistere alla gara.


© RIPRODUZIONE RISERVATA