«Pronti per ospitare
un’altra tappa rosa»

Ciclismo. Davide Trussoni, presidente della Comunità montana Valchiavenna: «Ci candidiamo fin da subito». La sindaca di Campodolcino: «Valle Spluga promossa». E il collega Della Bitta: «Squadra unita, complimenti»

«Pronti per ospitare un’altra tappa rosa»
Tutta la gioia e la grinta di Damiano Caruso vincitore all’Alpe Motta tra le montagne ancora innevate

«Abbiamo dimostrato che la Valchiavenna è all’altezza di ospitare eventi internazionali. Ci candidiamo fin da subito a ospitare un’altra tappa del Giro d’Italia nei prossimi anni».

Euforia è il termine più calzante per definire lo stato d’animo degli amministratori locali nelle ore seguenti l’arrivo della tappa del Giro d’Italia a Motta di Campodolcino. «Siamo orgogliosi e emozionati – spiega il presidente della Comunità Montana Valchiavenna Davide Trussoni - . Quella di sabato è stata una giornata magnifica, che dimostra come l’unione di intenti porti sempre a grandi risultati. Il gruppo di lavoro guidato da Gigi Negri, che ringraziamo ancora, a livello provinciale ha dimostrato di funzionare e la Valchiavenna unita ha evidenziato la sua capacità di ospitare eventi di questa portata senza sfigurare, anzi».

«Nell’ambito del tavolo provinciale siamo pronti a collaborare per vedere tornare il Giro d’Italia nella nostra zona già nei prossimi anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA