«Irvine qui da noi? Siamo felici  Sono già in tanti a chiamarci»
Oliviero Bormolini, titolare della Ice Driving School di Livigno

«Irvine qui da noi? Siamo felici

Sono già in tanti a chiamarci»

Automobilismo: Il titolare della Ice Driving School sulla condanna del pilota

Bormolini: «Mi viene da dire che non tutti i mali vengono per nuocere»

Ha già fatto il giro del mondo la notizia che l’ex pilota della Ferrari Eddie Irvine, vice campione del mondo in Formula Uno nel 1999, sconterà la sua pena dopo la rissa con figlio di Letizia Moratti, facendo l’istruttore il prossimo inverno nella Ice Driving School di Livigno.

La sua scelta di svolgere i lavori socialmente utili invece che scontare sei mesi di reclusione farà felici molti fan che potranno mettersi al volante al suo fianco. Intanto c’è una pubblicità incredibile per quella che è definita “l’università del controsterzo”, ovvero la scuola di guida sul ghiaccio creata un quarto di secolo fa da Oliviero Bormolini.

«Vista tutta l’eco che ha avuto la notizia che Irvine sarà qui da noi , mi verrebbe da dire che non tutto il male viene per nuocere- scherza il titolare della scuola nella quale ogni inverno le principali case automobilistiche provano i loro mezzi-. Io Irvine non l’ho ancora sentito. L’opportunità che svolgesse i lavori socialmente utili proprio qui è giunta grazie al suo avvocato Marco Baroncini che è anche il direttore del centro tecnico federale dell’Aci. Noi ne siamo felici».

Poi, sorridendo, aggiunge: «Sicuramente con l’esperienza di guida che ha non avrà nessun problema a girare sul ghiaccio». Cinquantadue anni da compiere a novembre, irlandese, Irvine è stato lo scudiero di Michael Schumacher negli anni alla Ferrari, perdendo per mera sfortuna il titolo mondiale nel 1999. La condanna a sei mesi di reclusione gli era stata inflitta dal Tribunale di Milano per una rissa avvenuta nella discoteca Hollywood di Milano.

Sul ghiacciodromo livignasco il mondo dei motori di alto livello sfida già da tempo,soprattutto per quanto riguarda le case automobilistiche, visto che Ferrari, Lamborghini, Porsche, Bmw, Audi, Volkswagen, ma anche la Pirelli utilizzano la pista di Livigno per i propri test di guida in sicurezza su neve e ghiaccio.

«Non sappiamo ancora quando Irvine sarà qui da noi, ma intanto siamo subissati da telefonate e da messaggi sui social» confessa Bormolini che all’inizio degli anni Novanta ha avuto la felice intuizione di realizzare la pista sui ghiaccio che grazie ai suoi corsi ha anche un valore sociale perché insegna a guidare a tutti in sicurezza sul ghiaccio e non spaventarsi al volante in caso di sbandate. Sicuramente non avrebbe mai immaginato di trovarsi alle proprie dipendenze un ex campione di Formula Uno. Livigno dopo aver ospitato nell’inverno 2016 la Ferrari di Formula Uno guidata da Giancarlo Fisichella fra le vie del centro paese, ora ospiterà uno dei piloti più amati negli ultimi anni fra quelli del Cavallino Rampante.

Fra i prossimi turisti del Piccolo Tibet magari ci sarà qualcuno che sceglierà Livigno proprio per diventare un allievo del “caliente” Eddie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA