È tutto pronto per il Giro  «Si può andare sullo Stelvio»
Enrico Maccarini nel sopralluogo a Cancano

È tutto pronto per il Giro

«Si può andare sullo Stelvio»

Temperature in aumento e le condizioni della strada sono buone

Pronto comunque un percorso alternativo. L’appello alla prudenza dei tifosi

Mancano due giorni all’ora X. Giovedì 22 ottobre il Giro d’Italia farà visita sulle nostre strade con la 18° tappa, la Pinzolo-Laghi di Cancano.

«Ci sono tutti i presupposti per il passaggio della tappa sul Passo dello Stelvio -commenta Enrico Maccarini responsabile della zona arrivo- .In mattinata -ieri ndr- ho sentito Gigi Negri che in pratica è il nostro contatto in Rcs e che sta occupando in primo luogo del passaggio sullo Stelvio, e le condizioni della strada non destano preoccupazioni ».

«Le temperature sono in aumento, dato importante perchè fa sì che nelle zone d’ombra per il passaggio della carovana stabilito nel primissimo pomeriggio, non si crei ghiaccio. Naturalmente abbiamo già pensato al piano B, ovvero il transito dal Passo del Tonale, Edolo Aprica e Tirano. Una volta arrivati sino a Mazzo di Valtellina, i corridori affronteranno il Mortirolo ma solo sino all’incrocio con la variante di Grosio, dove sarà posto un gran premio della montagna denominato Monte Padrio».

«Ci raccomandiamo ai tifosi e appassionati-aggiunge Maccarini- di non arrivare all’ultimo, visto che circa un paio d’ore prima del transito dei corridori la strada verrò completamente chiusa. Mi permetto di aggiungere di prestare il massimo rispetto nei confronti degli atleti. Quindi di osservare le distanze, di non ammassarsi nei punti più spettacolari».


© RIPRODUZIONE RISERVATA