Bormio è la capitale dello short track  Ospiterà i Mondiali juniores del 2020
La presentazione con Adelio Antonioli, Enrico Pedrini, Sergio Anesi, Roberto Spechenhauser e Raffaele Cola

Bormio è la capitale dello short track

Ospiterà i Mondiali juniores del 2020

Già scelto anche il logo: un pattinatore stilizzato all’ombra della Torre delle ore

«Il nostro sport è cresciuto nelle valli, premiata anche l’accoglienza che viene sempre data»

Ora è ufficiale: Bormio nel 2020 ospiterà il Campionato del mondo juniores di short track. Nei giorni scorsi, infatti, è arrivato il parere favorevole da parte dell’Isu , l’International Skating Union. La notizia è stata data alla stampa durante la tre giorni della gara internazionale di Star Class. È già stato scelto e presentato anche il logo dell’evento: si tratta di un pattinatore stilizzato all’ombra della Torre delle ore che sovrasta la Piazza del Kuerc.

Nella cornice dell’Hotel Cepina di Valdisotto alla presentazione erano presenti le personalità politiche ed istituzionali locali e la dirigenza della Bormio Ghiaccio, guidata dal suo presidente Enrico Pedrini, affiancato dall’allenatore storico ed uno tra i fondatori del club, Adelio Antonioli. «La Bormio Ghiaccio è nata per caso da un semplice patto tra amici; come pensare che – nel giro di una trentina d’anni – si arrivasse a tanto? Inimmaginabile. Questo è l’esempio migliore per dimostrare che, attraverso la passione, la tenacia, la determinazione e tanto sacrificio, si possono raggiungere obiettivi importanti, anche senza essere una grande realtà, anche mantenendosi entro una piccola cornice quasi paesana quale è Bormio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA