Domenica 22 Agosto 2010

SCANDALOSA LOTTERIA AD APRICA

uonasera, sono una giornalista di Bergamo e collaboro a varie testate tra cui IL BERGAMO del circuito Epolis. VI contatto in quanto sono in vacanza come ogni anno ad Aprica e questa sera (sabato 21.8.2010) la lotteria del paese organizzata dalla pro loco in collaborazione con le Parrocchie di S Maria Assunta e SS Pietro e Paolo - e le associazioni promotrici Corpo Musicale Aprica e Associazione Italiana Sclerosi Multipla - ha fatto, per dirla con un eufemismo, una gran brutta figura di fronte alle decine di villeggianti raccolti fino a tarda sera in attesa dell'estrazione. L'estrazione è cominciata tardi, verso le 23.30, dopo i fuochi d'artificio, e la gente era infreddolita ma in paziente attesa del momento clou della serata, l'estrazione dei numeri della ricca lotteria: in palio c'erano un'automobile Dacia Sandero (1° premio), una settimana a Bellaria, ski pass stagionali, computer, televisori, sci, moiuntain bike, minimoto, smartphone... insomma, premi di rilievo. Il sistema di estrazione è apparso subito equivoco, con fischi e proteste da parte del pubblico fin dall'estrazione dei primi numeri: risultavano estratti solo numeri superiori al diecimila e dal tremila in giù. Di numeri dal 4000 al 9000 nemmeno l'ombra. GIunti alla fine dell'estrazione il palco è stato preso d'assalto da numerosi presenti visibilmente innervositi che denunciavano la scorrettezza del sistema di estrazione e pretendevano che il tutto fosse rifatto ex novo. In effetti dopo una decina di minuti di dibattiti e proteste gli organizzatori hanno dovuto ammettere l'errore madornale commesso: nel sacchetto della penultima cifra estratta (che sarebbe corrisposta alla seconda cifra del numero vincente) erano stati inseriti solo i numeri dallo zero al 3, poiché si voleva evitare il rischio che uscissero numeri superiori al 13000 - visto che stando agli organizzatori non ne erano stati venduti più di 13000. MOrale: non potevano uscire in nessun caso numeri dal 4000 al 9999!! ALle proteste reiterate da parte di molti astanti che si domandavano come mai più semplicemente e più correttamente non fosse stata fatta la pesca delle matrici, il che avrebbe facilitato le operazioni ed evitato qualsiasi equivoco, l'unica risposta è stata la scelta di rifare tutto da capo! Il problema è che molti se n'erano a quel punto già andati buttando via plausibilmente il biglietto e un'altra questione si poneva per i numeri degli ipotetici vincitori del primo turno di estrazione che veniva a quel punto invalidato. Data l'alterazione degli stati d'animo di molti dei presenti, a quel punto gli organizzatori hanno optato comunque per rifare tutto, questa volta inserendo tutti i numeri nel penultimo sacchetto e , su suggerimento di un villeggiante evidentemente portato per la matematica, decidendo di non estrarre la quinta cifra nel caso che la quarta cifra estatta fosse superiore al 3. Insomma, una lotteria rocambolesca risolta molto alla buona e con gli animi ormai esacerbati di tutti. E' molto probabile che parecchi premi a questo punto non troveranno nessun intestatario, vuoi perchè il possibile vincitore avrà buttato il biglietto nel frattempo (dopo la prima estrazione), vuoi perché invenduti - e questa è solo un'ipotesi naturalmente, ma il dubbio resta: perché altrimenti non fare l'estrazione delle matrici dei biglietti venduti? E poi, queste lotterie - data l'importanza dei premi in palio - normalmente si fanno in presenza di un notaio o della guardia di finanza o comunque di un garante della trasparenza, tutte cose che sono mancate. Considerato che un piatto con un angolo di polenta, una costina e due pezzi di carne di maiale costava 12 euro e un piattino di bresaola 4 euro, e che la gente ha pagato non poco la partecipazione alla "serata danzante", forse i villeggianti di APrica potevano aspirare a una più decorosa e divertente conclusione di serata. Invece in molti se ne sono andati protestando anche alla volta dei carabinieri lì presenti con una volante, alzando la voce, e reclamando indietro almeno i soldi dei biglietti acquistati. Tenevo a segnalare la notizia perché davvero la serata ha suscitato l'amarezza e lo scontento di centinaia di villeggianti presenti alla sagra di Santa Maria. VI invito ad approfondire la questione chiamando voi stessi la pro loco ed eventualmente prendendo contatti con alcuni villeggianti presenti alla serata. Grazie della cortese attenzione, cordialità Stefania BUrnelli 3471014683 3485824600

stebur

© riproduzione riservata

Tags