Sindaci senza avversari  nei Comuni delle Olimpiadi
Silvia Cavazzi, Bormio

Sindaci senza avversari

nei Comuni delle Olimpiadi

Amministrative, a Livigno e a Bormio lista unica. Si vota in nove Comuni

Sono nove i Comuni in provincia di Sondrio che andranno a eleggere il sindaco nella tornata del 3 e 4 ottobre: 18.091 gli elettori chiamati alle urne.

Tra i sindaci da eleggere, quelli di Livigno e Bormio, vale a dire i primi cittadini che si troveranno a gestire l’impegnativa fase delle opere legate alle Olimpiadi. Ebbene, sia Remo Galli nel Piccolo Tibet e sia Silvia Cavazzi nella Magnifica Terra sono in lizza senza avversari: in entrambi i casi lista unica e l’avversario contro cui lottare sarà soltanto il quorum, peraltro sceso al 40%. Entrambi i candidati puntano a un netto cambiamento, anche Galli, che ripropone soltanto tre esponenti dell’amministrazione uscente.

Negli altri Comuni al voto, tre contendenti per mille abitanti, addirittura a Villa di Chiavenna, dove a contendersi la poltrona di sindaco saranno Massimiliano Tam, primo cittadino uscente alla ricerca del terzo mandato, l’ex assessore Umberto Larizza e Giuseppe Pedrini.

Lotta a due a Mello dove Graziano Pellegatta sfiderà Marco Scamoni. Ad Ardenno invece è quasi certo che sfiderà il sindaco uscente Laura Bonat un altro ex amministratore Fabio Scenini. Negli altri paesi, lista unica, con molte riconferme in vista. Candidati: a Rasura Diego Rava, a Dazio Antonio Cazzaniga, a Mantello Giacomo Bonetti, a Villa di Tirano Franco Marantelli Colombin.


© RIPRODUZIONE RISERVATA