Giovedì 30 Aprile 2009

Pedopornografia:
un caso nel Sondriese

Probabilmente nessuno, nemmeno all’interno della sua stessa famiglia, poteva immaginare che quel tranquillo impiegato sulla cinquantina, sposato e con figli, fosse in realtà un pedofilo. E della peggior specie: sui video e sui dvd che gli uomini del Nit (lo speciale Nucleo Investigativo Telematico) gli hanno sequestrato non soltanto si possono vedere dei bambini costretti a subire delle pratiche sessuali, ma anche delle vere e proprie torture.
Il valtellinese, residente in un piccolo centro alle porte del capoluogo, al momento è stato denunciato a piede libero per il reato di diffusione di materiale a carattere pedopornografico. Sono 69 in tutt’Italia che hanno fatto la stessa fine, grazie all’inchiesta coordinata dalla Procura di Siracusa. Tre invece le persone arrestate: un impiegato bergamasco di 57 anni, un uomo di 42 anni della provincia di Tresivio e un medico di Catanzaro di 60 anni, con mansioni di dirigente in un centro di recupero di tossicodipendenti.

l.begalli

© riproduzione riservata