Livigno, Pepe ucciso da una fucilata
Il cane Pepe

Livigno, Pepe ucciso da una fucilata

Il cane, senza guinzaglio, precedeva di pochi metri la sua proprietaria che con alcune amiche e un altro cane stavano camminando lungo il sentiero, molto frequentato, che conduce dal rifugio Alpisella al Crap da la Parè.

Pepe era un beagle che da quattro anni non solo rallegrava i suoi padroncini Andrea e Letizia, ma che con il suo fare pacioso era diventato un po’ una mascotte per tanti livignaschi che lo conoscevano, soprattutto per i bambini dai quali amava farsi coccolare.

Giovedì mattina una fucilata l’ha ucciso. La sua colpa, se tale la si può definire, forse è stata quella di far scappare in un giorno di caccia la preda a un cacciatore che, forse per sbaglio, o forse no, l’ha condannato immediatamente. Pepe senza guinzaglio precedeva di pochi metri la sua proprietaria che con alcune amiche e un altro cane stavano camminando lungo il sentiero, molto frequentato, che conduce dal rifugio Alpisella al Crap da la Parè, poco distante dalla latteria di Livigno, a poche centinaia di metri dalle case. La sua morte ha gettato nello sconforto soprattutto Letizia, seconda media,. L’hanno consolata anche i suoi compagni di scuola, che hanno mostrato tutto il loro disappunto di bambini per l’accaduto con disegni che criticano la caccia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA