Fassino punta su Ciapponi
"Un ottimo presidente"

Oggi a Sondrio nella sede del Partito democratico ha ribadito il sostegno del partito alla candidatura a numero uno della Provincia del sindaco di Morbegno - In Bassa Balle ha invece parlato dell'ex Birmania

Fassino punta su Ciapponi "Un ottimo presidente"

«Giacomo Ciapponi ha le qualità per essere un ottimo presidente della Provincia, e per questo chiediamo a tutti gli elettori di votare per lui, compresi gli elettori del centrodestra: non chiediamo loro di cambiare le loro idee politiche, ma di votare la persona che può essere il presidente migliore».
Parola di Piero Fassino, che oggi a Sondrio nella sede del Partito democratico ha ribadito così il sostegno del partito alla candidatura a presidente della Provincia del sindaco di Morbegno Giacomo Ciapponi. «Il voto del 6 e 7 giugno è particolarmente importante – ha detto - perché in un momento di crisi e incertezza la politica deve dare ai cittadini risposte che diano speranza. E molte di queste risposte dipenderanno dagli enti locali, e dalle scelte dell’Europa: a giugno non si vota per decidere chi deve governare il Paese, anche se Berlusconi parla di questo voto quasi fosse un plebiscito per il governo. Non lo è, e gli elettori vanno rispettati chiedendo loro il voto sull’oggetto vero delle elezioni, cioè il rinnovo delle amministrazioni comunali e provinciali, e della delegazione italiana al Parlamento europeo». Fassino ha incontrato - insieme al segretario provinciale del Pd Angelo Costanzo - a Sondrio sindacati e categorie economiche, e a Morbegno il Comune che ha conferito la cittadinanza onoraria ad un monaco birmano (Fassino, come qualcuno ricorderà, è inviato dell’Unione europea in Myanmar, l’ex Birmania). «E’ importante mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica in questo momento di particolare recrudescenza della repressione in Birmania e le iniziative intraprese dal Comune di Morbegno vanno in questa direzione», ha detto. Presenti all’incontro in Bassa Valle il consigliere comunale Stefano Ciapponi, che più di altri ha seguito la vicenda e il segretario provinciale del Pd Angelo Costanzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA