Il Giro a Morbegno:
"Poche iniziative"

Maurizio Damiani, uno degli allenatori del "Pedale morbegnese": «A una settimana dall’evento la città è ancora addormentata. A parte qualche vetrina che si è tinta di rosa, la nostra impressione è che ancora pochi lo sappiano»

Il Giro a Morbegno: "Poche iniziative"
Il “Pedale morbegnese” prenota un posto in prima fila in piazza Sant’Antonio, sabato prossimo, per la partenza dell’ottava tappa del Giro d’Italia. L'associazione però non è soddisfatta di come stiano procedendo i preparativi in città. «Noi ci saremo e faremo il tifo per tutti i ciclisti puliti – dice Maurizio Damiani, uno degli allenatori dello storico team morbegnese – ma ad una settimana dall’evento la città è ancora addormentata. A parte qualche vetrina che si è tinta di rosa, la nostra impressione è che ancora pochi in città lo sappiano».
Se in altre località, anche più piccole, dove è previsto soltanto il passaggio in velocità dei concorrenti, già da tempo, ci si sta mobilitando per  accogliere al meglio il circo rosa, a Morbegno si è fatto poco per coinvolgere le associazioni sportive, i ragazzi, i tanti appassionati di questo sport che proprio in Bassa Valtellina conta centinaia di estimatori e praticanti. «Francamente ci saremmo aspettati qualcosa di più dai Comuni o dal Consorzio turistico – ancora Damiani - visto che le partenze di tappa sono il momento ideale per incontrare gli atleti, farsi fare gli autografi, scattare delle fotografie e invece non c’è niente, non un manifesto, nessun addobbo, nessuna iniziativa legata ai nostri campioni come Francesco Gavazzi, che fra l’altro è  proprio di Talamona, l’unica eccezione è il concorso vetrine promosso dall’Unione commercianti che però coinvolge solo una parte della categoria».
Il Pedale morbegnese si è organizzato autonomamente. Tramite la sezione della provincia di Sondrio della Federazione ciclistica italiana  si è procurata dei pass e sabato mattina quasi tutti i ragazzi della squadra – circa una trentina –  saranno in visita al villaggio ospitalità. Dalle sei di mattina saranno chiuse al traffico e alla sosta via Vanoni, piazza Mattei, viale Ambrosetti, viale Stelvio (verso Sondrio), via Merizzi, via 5° Alpini, via Forestale e viale Stelvio (verso Milano). Per chi viene da fuori, l’ufficio di vigilanza del Comune consiglia di utilizzare i parcheggi della cintura del centro storico in via Ghislanzoni e via Martinelli e della zona nord: via Prati Grassi, via V Alpini e l’area del Polo fieristico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA