Chiavenna al voto:
Patrini va all'attacco

Nell’incontro tenutosi in piazza Pestalozzi non ha risparmiato le stoccate: «Abbiamo deciso di chiamarci "Chiavenna di tutti" perché l’attuale amministrazione non è stata un’amministrazione di tutti»

Chiavenna al voto: Patrini va all'attacco
Chi si aspettava una campagna elettorale chiavennasca soporifera sabato sera si è dovuto ricredere. Il candidato sindaco di "Chiavenna di Tutti" Beatrice Patrini, nell’incontro tenutosi in piazza Pestalozzi ha presentato i componenti della sua lista e poi non ha risparmiato le stoccate ad avversari, facendo più di un riferimento alla conferenza di presentazione del candidato Maurizio De Pedrini, e amministrazione uscente: «Abbiamo deciso di chiamarci "Chiavenna di tutti" perché l’attuale amministrazione non è stata un’amministrazione di tutti. Ci sono state più occasioni importanti in cui ha fatto scelte a favore di uno o di pochi, ma non a favore di tutti. Ci sono state due raccolte di firme sulla viabilità, una contro l’antenna Vodafone e una a favore del parco archeologico sotto la rocca del Paradiso. Ci sono state numerose richieste da parte dei commercianti che, come dice l’ex presidente mandamentale, fanno più del 90% dell’economia chiavennasca. Le domande dei cittadini e delle categorie sono rimaste senza risposta, nemmeno formale. Nessun incontro, nessun coinvolgimento. Occorre dare segnali di discontinuità rispetto a questo comportamento amministrativo».
La lista ha messo a disposizione una sede, che sarà aperta tutti i giorni con l’eccezione della domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19,30, e un blog contattabile all’indirizzo http://chiavennaditutti.blogspot.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA