Martedì 08 Maggio 2012

Valfurva cambia pagina
Cacciotto sindaco, fuori Saruggia

Valfurva - Il Comune di Valfurva ha scelto di cambiare e l'ha fatto in maniera decisa con uno scarto di oltre 350 preferenze fra i due schieramenti: 974 voti per "Forba" di Angelo Cacciotto (pari al 61,14%) contro i 619 di "Valfurva Unita" che era guidata da Gian Franco Saruggia (pari al 38,86%).


Un abisso se si pensa che nella precedente tornata elettorale Luca Bellotti, ora componente di "Forba", perse per quattro voti. Niente bis per Saruggia, ma ha vinto lo sfidante Cacciotto, sardo, a guida di una civica di stampo leghista. «Ringrazio tutti, anche coloro che non mi hanno votato - sono le prime parole da sindaco del vincitore -. La gente ha scelto di cambiare, sapevano chi voleva farlo. Con noi avrà un cambio di gestione, la popolazione sarà maggiormente coinvolta perché ogni sei mesi voglio tenere delle assemblee popolari, nelle quali tutti potranno parlare e dirci cosa va bene e quali sono i problemi».


Era iniziata sabato la festa di Cacciotto col matrimonio del figlio Marco. Poi c'è stata l'attesa per il voto: «Per scaramanzia non abbiamo scelto prima gli assessori. Le scelte saranno fatte in base alla disponibilità di tempo che ognuno potrà dare. Oltre alle capacità bisogna essere presenti per poter lavorare».


La riduzione del numero di assessori e consiglieri implicherà un lavoro ancora maggiore per il primo cittadino: «Ne sono consapevole, altrimenti non mi sarei presentato. Chiaramente d'ora in poi sarò più in Comune che a casa mia».


Il nuovo sindaco ha già la idee chiare sul da farsi: «Per prima cosa dovremo rivedere le spese facendo il bilancio preventivo. Ci sono pochi soldi e questo lo sappiamo. Bisogna rivedere le spese strutturali. Un'altra priorità è la sistemazione dell'acquedotto della frazione San Gottardo nella quale c'è il problema dell'acqua all'arsenico, mentre ad Uzza c'è da risolvere il problema dell'acqua giallastra. Ribadisco: sono debiti e acquedotti le mie priorità».


Il neo primo cittadino di Valfurva non nasconde la soddisfazione di aver ottenuto consenso pur essendo di fuori: «È un onore ancora maggiore. Sono tanti anni che sono qua e sto bene. Sono stato accolto bene, e se hanno fiducia in me sono orgoglioso. Luca Bellotti sapeva che se avessi scelto ancora lui come candidato sindaco, avremmo perso e quindi mi sono messo io». Fra i candidati in lista è evidente il successo personale di Marco Mirabella (135 voti). Una scommessa vincente per il neo sindaco: «Sapevamo che lui è molto legato ai giovani. Col successo che ha avuto, adesso dovrà mettere ancora maggiore impegno nell'amministrazione».

s.casiraghi

© riproduzione riservata