Mercoledì 18 Gennaio 2012

Area industriale: previsti
115 posti a Gordona

GORDONA - Sono 115 i nuovi posti all'area industriale di Gordona. La novità riguarda soprattutto aziende che si spostano in via al Piano da altre località, ma alcune decine di posti sono nuovi sotto tutti i punti di vista. Lo conferma Ivo Biavaschi, vicesindaco di Gordona e assessore alle Attività produttive in Comunità montana. Dopo mesi di discussioni, l'amministrazione comunale ha comunicato che l'ampliamento effettivo viene ridotto a circa un terzo. È limitato ai terreni fra la strada di accesso all'area industriale e la carreggiata denominata "dei Bosconi". In pratica sono i prati attorno alla sede della società Valle Spluga Spa.

La parte a sud della strada di accesso all'area torna a essere totalmente agricola, senza alcun vincolo di impiego diverso in futuro. La parte a nord, che include le due stalle, rimane ad uso agricolo, ma con vincolo di inedificabilità a salvaguardia di un futuro ampliamento dell'area industriale. «Si tiene conto anche delle giuste preoccupazioni - non delle pretese - dei coltivatori e dei proprietari delle due stalle». Biavaschi rileva che l'ampliamento consente di spostare alcune aree attualmente a "standard" sotto le linee elettriche ad alta tensione.

«Senza ampliamento avremmo dovuto rinunciare a ben quattro stabilimenti che ora sono in fase di realizzazione: Tecnofar, Fast, Valtonline e Penz. Dalla Tecnofar di Delebio - che sposterà a Gordona una parte delle maestranze e assumerà le altre - si prevedono settanta posti. L'azienda artigiana Fast - attiva nella meccanica di precisione -, darà lavoro a circa dieci persone ed Eurofer - impresa bergamasca del settore metalmeccanico che produce infissi in alluminio, facciate continue e sistemi integrati di tamponamento per facciate esterne - andrà nella parte libera del capannone della Grc e assumerà quindici dipendenti. In totale sono circa 115 nuovi posti nell'area di Gordona. Completano il quadro l'azienda Valtonline che distribuisce prodotti tipici e la Penz di Prata Camportaccio, piccola realtà che produce sci. L'insediamento di nuove aziende comporta uno sviluppo complessivo nell'economia locale. Riteniamo quindi positivo il bilancio».

Per l'area da 46mila metri quadrati della ex-Gab sono state avviate delle trattative. «Lo spazio della Gab è al centro dell'attenzione - assicura Biavaschi -, mentre per i lavoratori gli accordi sindacali e la collocazione in altre aziende hanno portato i primi risultati interessanti. Altre novità riguardano imprese che sono presenti con un'attività consolidata nell'area industriale. Mi riferisco all'Alexia, per la quale è previsto un nuovo ampliamento e a Dispotech che punta su un nuovo capannone. Quanto al salumificio Panzeri si sposterà da Prosto a Gordona e garantirà un aumento di circa quindici dipendenti, per arrivare a quota cinquanta».

l.begalli

© riproduzione riservata