Martedì 06 Dicembre 2011

Chiavenna, un successo
la mostra delle Argonaute

“Street photography” in mostra a palazzo Pretorio con le Argonaute. E' stata inaugurata martedì 29 novembre e si è conclusa ieri “Esistenze confinanti, istantanee ferme di donne in movimento”. L'esposizione di fotografie di Sara Munari, fotografa e artista di Lecco, è stata organizzata dall'associazione Argonaute, nata con l'obiettivo di valorizzare la donna in ambito sociale, culturale e artistico, con il patrocinio delle amministrazioni comunali di Chiavenna e Sondrio. «La mostra presenta una serie di bellissimi scatti di Sara Munari – ha sottolineato per le Argonaute Lilia Piacentini -. Gli scatti, realizzati in diverse località, ritraggono l'universo femminile in ambiti e situazioni differenti. L'artista racconta momenti di gioia, attesa, amicizia, malinconia e tristezza». Le foto sono state affiancate dai testi di alcune poesie scelti dalle Argonaute di Chiavenna in base alla propria sensibilità e all'affinità con le immagini. «Ne è scaturita una rosa di poetesse che si muove nel tempo e nello spazio, da Antonia Pozzi e Alda Merini a Elisabeth Bishop per arrivare alle nostre Leda Zanon e Licia Galli». Dopo la presentazione di Sara Munari c'è stata la lettura interpretativa delle poesie da parte di Pia Mazza dell'associazione “Fata Morgana” di Como, accompagnata alla viola dalla figlia Carlotta Bresciani. All'iniziativa ha partecipato un pubblico numeroso, sia in occasione dell'inaugurazione, sia nei giorni successivi. «Il primo obiettivo della nostra associazione è il benessere della donna come presupposto per giovare a tutta la società, dai nuovi nati agli anziani. Un obiettivo ambizioso, ma che perseguiamo con entusiasmo attraverso incontri e presentazioni di libri o confronti su argomenti che riguardano la donna, ma anche momenti piacevoli come lettura di poesie e spettacoli musicali».

 

stefanobarbusca

© riproduzione riservata

Tags