Giovedì 01 Dicembre 2011

Tangenziale di Bormio
I lavori in primavera

BORMIO - L'annuncio è stato fatto al consiglio comunale di Bormio, riunito martedì sera, esattamente dal vicepresidente dell'amministrazione provinciale di Sondrio, Pier Paolo Corradini, consigliere di minoranza nel comune di Bormio.

Una notizia attesa da tempo e che ha suscitato una buona dose di entusiasmo. «I lavori per la tangenziale di Santa Lucia - ha sottolineato Corradini - partiranno la prossima primavera. Il contratto d'appalto dell'opera è stato firmato l'altro giorno ed aggiudicataria è risultata essere la ditta Vittaddello srl. Ora iniziano i rilievi ed i lavori sono previsti entro il mese di maggio».

Burocraticamente parlando si tratta di un appalto integrato, procedura che prevede la redazione del progetto definitivo da parte dell'impresa aggiudicataria: «L'iter - ha commentato Corradini - sarà così sicuramente più veloce». La cosiddetta tangenziale di Bormio - Santa Lucia è un'opera di rilevante importanza strategica e prevede la realizzazione di un tratto di nuova viabilità lungo circa 1430 metri che si diramerà dall'attuale strada statale 38 con una rotatoria situata nel comune di Bormio, in prossimità dello svincolo di Valdisotto - Cepina, scavalcando poi l'Adda in viadotto ed attestandosi sulla strada provinciale per Oga dopo aver aggirato la frazione di Santa Lucia.

Il costo dell'intervento, che permetterà così agevolmente di bypassare il centro di Bormio per le auto in transito da e per la Valdidentro e Livigno, conti alla mano, supera i 40 milioni di euro dei quali oltre 29 milioni derivano dalle disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti previste dalla legge 166/2002, circa 7,2 milioni di euro dal piano triennale Anas 2003/2005 e quasi 3,5 milioni di euro provenienti dal comune di Livigno.

«La tangenziale di Bormio - ha sottolineato il vicepresidente della Provincia - è essenziale per lo sviluppo dell'Alta Valle sia sotto il profilo infrastrutturale e dei trasporti che delle attività produttive. Un intervento atteso da oltre vent'anni. Rilevante l'impegno della Provincia che ha vinto pure una lunga serie di ricorsi, segno della perfetta regola d'arte delle procedure. Un plauso va anche a quanti hanno seguito tecnicamente l'iter». Entrando nel merito del progetto, indiscutibile la valenza dell'opera: «Togliendo il traffico dal centro di Bormio - ha commentato Corradini - verrà risolto il 90% dei problemi di viabilità».

l.begalli

© riproduzione riservata