Martedì 01 Marzo 2011

Sondrio, patteggia 9 mesi
per la morte di Stefano Mari

Fu un incidente mortale che scosse profondamente la città: la vittima, il 38enne Stefano Mari (ex giocatore di rugby e direttore della Tipografia Ramponi, socio della “Pre Press”) stava andando al lavoro quando fu investito da una panda mentre era in sella alla sua moto. Un incidente drammatico che ieri è approdato in tribunale a Sondrio davanti al giudice per le udienze preliminari Fabio Giorgi che ha accolto l'istanza di patteggiamento ed ha condannato Teresina Ruttico a 9 mesi di reclusione (concessa la sospensione condizionale della pena) e al pagamento delle spese sostenute dalla parte civile e liquidate in 2.792,57 euro. La donna - 72 enne, di Albosaggia - la mattina del 28 settembre scorso era alla guida della sua utilitaria e stava risalendo via Fiume, quando improvvisamente svoltò a sinistra per entrare in un parcheggio senza però dare la precedenza al 38enne che a bordo dello scooter stava scendendo sulla corsia opposta. L'uomo, padre di due figli, era finito rovinosamente a terra dopo aver sbattuto il capo. Un urto violento che non gli ha lasciato scampo.

l.begalli

© riproduzione riservata