Mercoledì 26 Gennaio 2011

Lutto nel body building:
è morto Giuseppe Besana

BOSISIO PARINI Lutto nel mondo dello sport. Lunedì è morto all'età di 54 anni Giuseppe Besana, plurititolato campione di body building a livello mondiale, originario di Costa Masnaga e residente a Bosisio Parini con la moglie Pinuccia Pirovano.
Besana si era sentito male lo scorso giovedì, quando intorno alle 20.30 - mentre rientrava dalla palestra Physique Club di Dolzago, di cui era coproprietario - aveva accusato un malore alla gola.
Ricoverato d'urgenza all'ospedale Manzoni di Lecco, dove i medici avevano inizialmente diagnosticato un'ischemia, Besana ha poi subito un intervento chirurgico nella mattinata di venerdì, restando in prognosi riservata.
La situazione è poi degenerata nelle ore successive. Nella mattinata di domenica il quadro clinico è precipitato e lunedì intorno alle 13, Giuseppe Besana è deceduto.
Ieri mattina è stata poi effettuata l'autopsia. La famiglia ha accordato la donazione degli organi. I funerali si terranno oggi alle ore 14.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant'Anna a Bosisio Parini.
Il mondo del body building è sconvolto dal dolore. Molto conosciuto nell'ambiente delle palestre, dopo aver lavorato per anni come istruttore a Garbagnate Monastero, dallo scorso giugno Besana aveva aperto la palestra Physique Club di Dolzago insieme ad altri tre soci: Gabriella Riva, Giuseppe Gerosa e Yose Beccalli.
Di tutto rispetto il palmares del body builder brianzolo che può vantare: tre titoli di campione del mondo categoria master (over 40) conquistati a Los Angeles negli anni 2003, 2004 e 2005, diverse affermazioni in gare della disciplina a livello europeo e la conquista del campionato italiano nel 1996.
Inoltre, Giuseppe Besana è stato uno dei promotori delle gare nazionali di body building che si svolgono annualmente a Costa Masnaga.
«Negli ultimi mesi aveva coronato il sogno della sua vita, cioè aprire una sua palestra – sottolinea l'amico e socio Giuseppe Gerosa con la voce segnata dal dolore per la perdita dell'amico – Potevamo aspettarci di tutto, ma non una cosa del genere. Se n'è andato via un pezzo di tutti noi che lo conoscevamo e gli volevamo bene».
Sconcerto che trova conferma anche nelle parole di Gabriella Riva: «Per anni sono stata la sua allieva e ora lavoravo insieme a lui – spiega – Giuseppe era una persona davvero buona di cuore e di natura, a cui non si poteva non volere bene. Siamo stati sommersi di chiamate dai frequentatori della palestra, tutti rimasti scioccati dall'accaduto. Ora toccherà a noi, suoi amici e soci, portare avanti il suo sogno».

l.begalli

© riproduzione riservata

Tags