Mercoledì 29 Dicembre 2010

Strade e buche: impietoso
confronto con la Svizzera

PIURO Non ci sono buche, le cunette sono pulite e l'asfalto è in perfette condizioni sotto tutti i punti di vista. Siamo in Val Bregaglia, ma sulle strade svizzere, da Castasegna in su. Basta passare il confine di Villa di Chiavenna, passando dall'Italia alla Svizzera, per lasciarsi alle spalle le mille buche che, dall'inizio di questa settimana, stanno rendendo complicati i viaggi degli automobilisti sulle strade della provincia di Sondrio, sia in Valtellina, sia in Valchiavenna.
Le condizioni climatiche e ambientali di questa zona della Confederazione elvetica sono del tutto simili a quelle dell'Italia. Vista l'altitudine e le temperature più basse rispetto alla media della Valchiavenna, probabilmente la realtà svizzera è potenzialmente svantaggiata. Ma questa è solo teoria. Da Castasegna al Bivio per Spino e Soglio, ad esempio, non ci sono né buche, né altri problemi. L'asfalto è liscio e le cunette a bordo strada sono pulite.
Tutta un'altra cosa rispetto a quanto si può osservare in Valchiavenna. Dalla Val Bregaglia fino a Verceia, le strade sono in condizioni disastrose e in molti punti è necessario affrontare veri e propri slalom per non finire nelle buche più grosse. Nei giorni di pioggia, una buona parte delle buche erano meno visibili e per evitarle sono state necessarie manovre ancora più impegnative, spesso senza successo.
I problemi hanno riguardato sia i valchiavennaschi, sia i turisti. Dalla mattina della vigilia di Natale, molte persone provenienti da fuori provincia sono state costrette ad affrontare i disagi legati alle buche, con lamentele rese ancora più forti dallo spiacevole “effetto sorpresa”.
Visto il confronto con quello che si osserva da Castasegna in poi, sembra difficile cercare una risposta nelle condizioni ambientali particolarmente difficili dei giorni scorsi. Il tempo è stato del tutto simile anche in Svizzera, ma lì le conseguenze sono state decisamente diverse. A questo punto sembra opportuno concentrarsi su altre variabili.
Dai vertici degli enti locali sono arrivate puntuali rassicurazioni. Appena possibile incontreranno i vertici di Anas per discutere della situazione attuale, non soltanto per quanto riguarda le buche. Il dialogo fra le amministrazioni valchiavennasche e l'azienda è stato caratterizzato, soprattutto negli ultimi anni, da clima di notevole collaborazione, con dei passi in avanti decisamente significativi rispetto al passato. Sulla base di queste premesse, sarà fondamentale mettere in campo misure adeguate per evitare, dopo ogni nevicata, conseguenze disastrose sulla condizione delle strade.

l.begalli

© riproduzione riservata