Martedì 07 Dicembre 2010

La morte di Carassali:
alcol 4 volte il limite

ALBOSAGGIA I primi risultati dell'autopsia confermano il sospetto degli inquirenti: il tasso alcolico del giovane di Albosaggia che ha perso la vita cadendo dal cofano di una vettura in corsa era letteralmente alle stelle. Si parla di 2 mg\l, qualcosa come quattro volte il valore consentito dalla legge per gli automobilisti.
È in quelle condizioni che Stefano Carassali, la notte di sabato 27 novembre era salito sul cofano di un'auto in movimento per tentare un pericolosissimo rodeo. È bastata una piccola frenata da parte dell'amico che era al volante della vettura per far cadere a terra il ragazzo, Stefano Carassali, lasciandolo a terra privo di conoscenza. Dopo tre giorni di agonia il suo cuore ha smesso di battere. Aveva 27 anni.
Adesso Igor Paganoni, l'amico e compaesano di 26 anni che guidava l'auto, deve rispondere di omicidio colposo. In un primo tempo era stato denunciato per lesioni personali colpose gravi.
Ci vorrà ancora del tempo, alcune settimane, perché la procura abbia a disposizione anche gli esiti degli accertamenti tossicologici effettuati sui protagonisti della vicenda. Paganoni quella sera aveva sì chiamato i soccorsi, ma, d'accordo con il terzo ragazzo che componeva la compagnia di quella sera, aveva prima provveduto a spostare l'auto per poter così sostenere di avere trovato Stefano in quelle condizioni senza sapere che cosa fosse accaduto. Non ci ha messo molto la polizia a scoprire cos'era successo in realtà.

l.begalli

© riproduzione riservata