Mercoledì 01 Dicembre 2010

Morbegno, code da rientro
Ecco come sarà il piano

MORBEGNO Piano anticode per il ponte dell'Immacolata: il Comune di Morbegno, insieme con Talamona, detta le regole per il controllo delle viabilità dell'8 dicembre in Bassa Valle. Lunedì sera in consiglio comunale il vicesindaco Mauro Monti ha illustrato nel dettaglio il progetto chiesto dagli operatori turistici della Media e Alta Valle e voluto dall'assessore provinciale al Turismo Alberto Pasina per snellire il traffico del rientro durante il periodo invernale.
In cambio gli operatori turistici dell'Alta Valle (Sib e Bagni di Bormio) si sono impegnati a estendere anche ai residenti di Talamona e Morbegno gli sconti su skipass e ingressi termali. La novità di  quest'anno sono, appunto, le new entry morbegnese e di Talamona che si affiancano a Tirano nel piano anticode (Tirano ha confermato la sua partecipazione per il quarto anno consecutivo).
Per tamponare il problema del traffico da rientro in Bassa Valle i due Comuni, che si sono confrontati anche con la Comunità montana insieme alla Protezione civile locale, vigili municipali e alle forze dell'ordine presidieranno la statale 38 e le vie di fuga alternative, dall'incrocio che porta a Tartano sino a Morbegno, mentre le postazioni semaforiche all'ingresso e all'uscita della nella città del Bitto all'occorrenza potranno essere regolate manualmente adeguandosi al flusso di traffico.
«Sarà chiuso l'eccesso a case Barri a Talamona per evitare che il traffico si intasi nel centro del paese - ha precisato il vicesindaco Monti -, il passaggio alternativo alla 38 costantemente monitorato l'8 dicembre quindi passerà per l'area industriale Morbegno-Talamona e il sottopasso all'altezza del consorzio agrario che porta a Morbegno per congiungersi con la Valeriana verso la Costiera dei Cech. Sorvegliata speciale la deviazione verso Paniga e Campovico per evitare i classici imbottigliamenti del weekend. Saranno poi controllati a Morbegno gli incroci di V Alpini, Forestale e via Merizzi dove sarà posizionata l'apposita cartellonista per seguire i percorsi alternativi alla statale». L'esperimento durerà solo una giornata. Per il momento, infatti, il piano resterà in vigore solamente nella giornata dell'8 dicembre, «poi se si rivelerà efficace potremo eventualmente pensare di estenderlo anche al periodo natalizio - ha specificato ancora Monti -. La situazione sarà valutata poi con gli organismi provinciali che sosterranno la spesa dell'intero progetto».  

l.begalli

© riproduzione riservata