Giovedì 25 Novembre 2010

Madesimo, ecco il ladro
mentre sta rubando

MADESIMO È entrato nel risto-bar Sant'Anton di Madesimo passando da una porta di servizio. Indossava un cappuccio e un berretto, aveva in mano una piccola torcia e conosceva la posizione delle telecamere del sistema di videosorveglianza, tanto che ne ha girate alcune per evitare di essere ripreso. Ma non è bastato per sfuggire all'occhio elettronico. L'immagine del suo volto è stata registrata sulle videocassette del locale in più momenti. L'uomo ha portato via il fondo cassa, circa 500 euro. Appena è scattato l'allarme è fuggito.
Il titolare del Sant'Anton, situato nei pressi dell'arrivo della pista Pedroncelli, ha contattato i carabinieri.  Poi, affiancato da due compaesani, è entrato nel proprio locale alla ricerca del ladro. Non ha trovato nessuno. I militari si sono attivati e hanno inviato sul posto una pattuglia. Un'ora più tardi i carabinieri di Campodolcino erano già al lavoro per raccogliere elementi utili per le indagini. Un aiuto significativo può arrivare dalle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza. Probabilmente il malvivente era entrato in precedenza nel locale e aveva osservato la posizione delle telecamere. Nel momento del colpo, ha tentato di sfuggire alle riprese, ma non c'è riuscito. Ora le forze dell'ordine hanno a disposizione alcuni elementi decisamente significativi per le indagini. L'elenco delle attività visitate nel corso della notte comprende anche due pasticcerie, “La dolce vita” e “La genuina”. Nel primo caso, sono spariti circa trecento euro, alcune bottiglie di vino valtellinese e qualche sacchetto di farina. Nella seconda pasticceria sono stati rubati i soldi della cassa, due giacche e una borsa.
I carabinieri della Compagnia di Chiavenna sono al lavoro per cercare di identificare l'autore - o gli autori - dei colpi. Tutto lascia pensare che non si tratti di una banda di professionisti, ma di qualcuno costretto a fare i conti con una situazione di estrema indigenza. La conferma arriva dal tipo di prodotti rubati. C'è spazio per un'altra considerazione. Fino al recente passato l'isolamento di Madesimo era considerato un vantaggio, visto che la distanza elevata dalle grandi città permetteva di tenere lontani i malviventi. Ora si fa sentire soprattutto la lontananza dalle caserme dei carabinieri.
Per salire a Madesimo i militari impiegano diverse decine di minuti. All'inizio di marzo nella località sciisitca della Val San Giacomo si era registrata una lunga serie di furti in una sola notte. Anche in quell'occasione i residenti avevano espresso una notevole preoccupazione per l'accaduto.

l.begalli

© riproduzione riservata