Venerdì 29 Ottobre 2010

Morbegno, sale la febbre
per il derby di basket

MORBEGNO. E derby sia. Domani pomeriggio, alle 17.30 al Palamattei si consumerà l'appuntamento più atteso della stagione baskettara locale. Pezzini e Rigamonti si sfideranno nel più classico degli appuntamenti sportivi valtellinesi. In Spagna lo chiamerebbero "el Partido". Sulle rive del Bitto la febbre sta già salendo.
La tifoseria giallonera è al lavoro per preparare una spettacolare coreografia, i due coach ieri sera hanno diretto gli ultimi allenamenti per preparare una gara nella quale oltre ai due punti in palio per la classifica, ci si gioca pure la faccia. L'ufficialità delle dichiarazioni sembrerebbe far pensare che «È una partita come tutte le altre». Va pur bene non scaldare gli animi, ma a questa favola non crede proprio nessuno.
Le due protagoniste arrivano entrambe appaiate a quota 6 in una classifica molto corta che le ha viste arrancare nelle prime partite per poi trovare maggiore equilibrio nelle successive.
In particolare la Rigamonti dopo gli schiaffi incassati nelle prime due apparizioni contro Villasanta e Seregno, ha infilato tre successi consecutivi, battendo Paderno e Mandello a Sondrio e Lentate in trasferta. Le tre vittorie della Pezzini invece sono arrivate grazie ai successi ottenuti sui difficili campi di Olginate (capolista e unica formazione a 8 punti) e di Como contro l'Alebbio venerdì scorso. L'unica vittoria in casa è stata ottenuta contro Cadorago. Le partite nelle quali i morbegnesi sono finiti al tappeto hanno invece visto i successi al Palamattei di Paderno (+24) e della matricola Veranese (all'overtime). Insomma tutto farebbe pensare ad una gara equilibrata, ma il derby non è mai prevedibile. Solo a fine partita, e stiamo parlando della notte di Halloween, sapremo chi porterà a casa il dolcetto e chi di contro subirà lo scherzetto.
Di certo per i morbegnesi la strega cattiva è SuperSpini. Il talentuoso esterno sondriese è nettamente in vetta alla classifica marcatori del torneo nonostante Diego Pini, dopo il fantastico primo tempo di domenica scorsa lo abbia fatto uscire per buona condotta. Chi non dovrebbe tradire le attese del pubblico sondriese è Credaro che quando il gioco si fa duro non ha paura di prendersi responsabilità importanti. Discorso a parte invece per l'ultimo degli ex, quel Pencev che nelle ultime due apparizioni ha galleggiato sui 15 punti a partita e non farà sconti agli ex compagni di squadra.
La chiave dell'incontro potrebbe consistere proprio nella sfida tra l'attacco della Rigamonti e la compattezza della Pezzini che si esalta nei match più difficili. Le geometrie di Lucchina dovranno però trovare le mani calde di Favero e Feloj. Mentre il primo è ormai una garanzia Busi si aspetta molto dal giovane Feloj che in questo avvio di stagione ha alternato prestazioni da urlo a momenti di appannamento. Ancora qualche ora, poi tutti gli appassionati potranno godersi il solito spettacolo nella speranza che i tifosi più scalmanati sappiano ricordare qual è il vero significato dello sport.

r.carugo

© riproduzione riservata