Mercoledì 01 Settembre 2010

"Un Ponte di Note" ritorna
con l'antenato del pianoforte

PONTE - Lo spirito con cui otto anni fa è nata la rassegna “Un Ponte di note” è rimasto immutato: offrire ad una vasta platea, che ogni anno si arricchisce, momenti speciali sotto tutti i punti di vista.
Così anche quest'anno “Un Ponte di note” con sottotitolo “Sonorità innovative” punta proprio ad offrire una primizia in campo musicale: l'esibizione di un pianoforte, copia Cristofori del 1726.
L'appuntamento, promosso dalla biblioteca “Libero Della Briotta” e dal Comune, è per domani alle 21 al teatro comunale Giuseppe Piazzi in piazza Luini a Ponte. «Al concerto verrà suonato il prototipo del primo pianoforte inventato nella storia da Bartolomeo Cristofori nel 1722 - anticipa il direttore artistico dell'evento, Natale Petruzio -. Non è un cembalo né un fortepiano, ma uno strumento con un suono bellissimo e vellutato. Si tratta di progetto realizzato nel Settecento, che è mai più stato ripreso da nessun altro. Una ragazza cembalara tedesca ha costruito una copia, che fa il giro dell'Europa. Ovviamente la deve suonare solo un esperto come Luca Guglielmi. Avendo questo pianoforte una meccanica molto primitiva, il musicista deve lavorare con le dita con una sensibilità particolare. Insomma, ci vuole solo uno specialista».
Coordinate, queste, che lasciano prospettare una serata speciale per gli appassionati che potranno ascoltare musiche settecentesche di Bach, Haendel, Albinoni e Scarlatti eseguite da un affermato interprete e poliedrico musicista.

s.baldini

© riproduzione riservata