Martedì 21 Settembre 2010

Ciapponi verso la segreteria
del Partito democratico

Sondrio -E' Giacomo Ciapponi il papabile alla segreteria del Pd di Sondrio. Intorno al suo nome lunedì sera l'assemblea dei cinquanta pare essere riuscita a trovare quell'unitarietà tanto auspicata, ma che pareva così lontana alla vigilia. E' stato lo stesso Ciapponi, presidente dell'assemblea, a dare la propria disponibilità nell'ambito di un discorso unitario, pur con alcune riserve legate agli impegni professionali e personali. E non soltanto. C'è anche la questione politica di un partito diviso. Il mandato esplorativo che gli è stato conferito lunedì sera dall'assemblea ha anche questa valenza: valutare con esattezza le disponibilità a lavorare e l'entusiasmo. Un processo delicato comunque a termine: il 1° ottobre l'assemblea si riunirà nuovamente e in quella sede Ciapponi scioglierà tutte le riserve. Allora si saprà se sarà lui il nuovo segretario o se sarà necessario convocare il congresso e rimettere la palla nelle mani degli iscritti.
«Durante l'assemblea il partito ha dato dimostrazione di maturità con un dialogo sereno nel nome dello spirito costruttivo - le parole del segretario uscente Angelo Costanzo -. Il confronto c'è stato, come è giusto che sia, ma molto diverso da quello che si dipinge sui giornali. Basti pensare che tutte le scelte sono state prese all'unanimità il che la dice lunga sul clima positivo che si è instaurato».

m.bortolotti

© riproduzione riservata