Lunedì 06 Settembre 2010

Valfurva, stroncato da malore
durante un'escursione

VALFURVA - Questa volta non è colpa dei funghi. Non è stato neanche un incidente. L'escursione sui monti della Valfurva per un turista della Repubblica Ceca oggi si è però conclusa in tragedia. A stroncare J. J., di 51 anni, è stato un malore. L'uomo stava percorrendo assieme ad alcuni amici la strada che porta al rifugio Casati, a oltre 3.000 metri di quota, quando si è accasciato al suolo perdendo i sensi.
Sono stati i suoi compagni di comitiva a dare l'allarme alla centrale operativa del 118 e a mettere così in moto la macchina dei soccorsi. Erano passate da pochi minuti le 16. La comunicazione è stata girata immediatamente anche alle squadre del soccorso alpino della Valfurva.
Per il turista però non c'era niente da fare: il malore del quale era rimasto vittima non gli ha dato scampo. Accertato che per il turista non c'era ormai niente da fare, l'eliambulanza ha fatto ritorno alla base, lasciando il compito di recuperare il corpo dell'uomo ai volontari del soccorso alpino.
Un'operazione non semplice, ovviamente, vista la quota. Soltanto nel tardo pomeriggio la salma ha potuto tornare a valle in attesa delle formalità burocratiche necessarie per l'espatrio.
Saranno soltanto gli accertamenti medici a stabilire con esattezza la natura del malore che ha tolto la vita all'escursionista. Tutto lascia pensare comunque che si tratti di un attacco cardiaco, favorito, se non proprio provocato, dallo sforzo per la camminata e dall'altitudine. Sembra comunque che l'uomo non risultasse sofferente di cuore e che fosse un appassionato di trekking in quota.

r.carugo

© riproduzione riservata