Giovedì 02 Settembre 2010

Castello, Max ricordato
con trattori, scherzi e sorrisi

CASTELLO Gli amici, i trattori, la gioia. Alcuni degli elementi principali della vita di Massimo Donati sono stati la trama sulla quale si è basata "Una domenica in compagnia - Max per sempre uno di noi", la manifestazione tenutasi ieri a Castello Dell'Acqua, in memoria del ragazzo ventiduenne tragicamente scomparso esattamente un anno fa a bordo della sua moto a seguito di un incidente stradale avvenuto sulla statale 38 a Chiuro.
La comunità di Castello ha dunque risposto in massa alla giornata evocativa, volta a tenere vivo il ricordo di Massimo. Come già accennato, il momento preponderante della giornata è coinciso con la sfilata dei trattori che ha avuto luogo a partire dalle 14. Un corteo composto da una decina di macchinari agricoli ha invaso il territorio del paese orobico.
Poi i trattori si sono mossi dal campo sportivo sito in via Piano, sino alla piazza del comune posta nella parte alta del paese. A comandare il corteo c'erano l'auto di Massimo guidata da sua madre e il trattore del ragazzo scomparso con alla guida suo fratello. Clima festoso, scherzi, risate: sono stati questi i caratteri principali della sfilata. I toni gioiosi si facevano largo tra il frastuono rombante dei trattori. Del resto, entusiasta non può che essere il ricordo di un ragazzo che col sorriso ha affrontato ogni istante della sua seppur breve vita.
La sfilata dei trattori è stata soltanto l'apice di una manifestazione intensa, cha ha segnato l'intera giornata trascorsa ieri a Castello. La “domenica in compagnia” si è aperta alle 9 con la Santa Messa in suffragio di Massimo, officiata presso la chiesa parrocchiale. La pur capiente chiesa di San Michele non è stata sufficiente ad accogliere la folla accorsa a ricordare nuovamente Massimo.
La corposa carovana dopo la Messa è scesa lungo contrade di Castello per raggiungere il campo sportivo, campo base dell'iniziativa. Al campo è stato consumato un pranzo a base di prodotti tipici.
Un sentito discorso di saluto a Massimo ha poi preceduto la già descritta sfilata di trattori. Il programma della giornata non si è quindi esaurito con la parata dei trattori, ma c'è stato spazio per un pomeriggio musicale all'interno del campo sportivo.
La generosità dei partecipanti alla manifestazione non sarà fine a se stessa, poiché il ricavato della giornata verrà devoluto al progetto di ristrutturazione del “Rifugio Grioni” in Val d'Arigna, che si trova nel territorio comunale di Ponte in Valtellina. Tale rifugio verrà intitolato a Massimo Donati e Gino Berniga, un altro ragazzo molto conosciuto e scomparso nel febbraio del 2008. Su una parete del rifugio verrà apposta una struggente poesia scritta da un amico di Massimo in suo ricordo e letta ieri davanti al pubblico della manifestazione.
Lo stesso componimento venne letto lo scorso anno nel corso del funerale di Massimo.

l.begalli

© riproduzione riservata