Domenica 29 Agosto 2010

Bema, ancora una vittima
della passione per i funghi

BEMA -Un'altra vittima nei boschi della valle del Bitto, la quarta in meno di due settimne. E questa volta la nuova tragedia è successa nel territorio di Bema. E ancora una volta per raccogliere funghi.
Ieri pomeriggio Rita Seveso di 65 anni, residente nel paese della valle orobica ma originaria della Brianza è morta, a seguito di una caduta o di un malore, nel bosco poco lontano da casa sua, in cima all'abitato di Bema.
La zona è quella del dosso di Bema che si trova di fronte alla Val Gerola e in particolare a Rasura. A trovare il corpo senza vita della donna è stato ieri pomeriggio intorno alle 15 un uomo che si trovava in zona alla ricerca di funghi. Rita Seveso era stata poco prima al rifugio Ronchi (a quota 1.170 metri, punto di appoggio per la salita al pizzo Berro) insieme al marito, che si è trattenuto mentre lei ha deciso di scendere verso casa e probabilmente di uscire alla ricerca di funghi. L'incidente che ne ha causato la morte è accaduto a 200 metri da casa, poco lontano dalla strada che sale verso il rifugio in una zona non particolarmente pericolosa ma scoscesa e difficile da percorrere.

r.carugo

© riproduzione riservata